Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

"La rivoluzione di l'animali"

di Pippo Nasca

Pippo Nasca scrive:

"Ti invio il raccontino poetico riguardante la rivoluzione degli animali, scritta tanti anni fa dopo aver letto LA FATTORIA DEGLI ANIMALI del noto scrittore inglese. Ovviamente è una mia condivisione  del suo pensiero politico in contrasto con l'allora apparizione nel mondo del marxismo-leninismo. Si tratta di argomenti ormai superati, ma l'opera in questione ha comumque un sapore storico interessante." 

 

***************

PRIMISSA:

 

            Libbiru scupiazzamentu in versi virnaculi catanisi

                                 

           di  "LA FATTORIA DEGLI ANIMALI"  di Giorgio Orwel,

 

           malamenti  scrittu  e  ripinsatu da  Pippinu Nasca

 

           ca nun é pueta e mancu scritturi,ma sulu liggituri

 

           schiffaratu cu tanticchia di gnegnuru nta testa ca

 

           scribacchiannu va  cca e dda  pi semplici dilettu.

 

           Si lu scrittu nun cunvinci pi mancanza d'arti e di

 

           puisia,  vi rimannu a lu testu originali ca truvai

 

           simpaticu e piacirusu.

                

 

  

 

 

                LA RIVOLUZIONI DI L’ANIMALI

 

 

V'haiu a cuntari na storia d'animali

ca scrissi 'n-littiratu d'oltri mari,

'n-certu Giorgiu de parti d'Inghilterra,

'n-omu sinsatu, c’a sapeva longa

supra li fatti di l'umanitati.

Cu licenza di tutti e du scritturi,

ch'é mortu pi furtuna da me pinna

c'arrobba a dritta e manca in santa paci,

stu fattu vi lu vogghiu raccuntari

in versi dialittali catanisi

'mpicannu nomi di li nostri parti

a tutti l'animali di la storia,

comu fussi successa pi davveru

de parti di Catania e li dintorni.

Spirannu ca la cosa pò piaciri,

priparu carta e pinna e cu mudestia

a scriviri accumenciu e speru ancora

c'aviti la custanza e la pacenza

di leggiri ogni cosa finu in funnu.

De parti i Tricastagni e da Varanni,

si chiù vi piaci, c'era nu massaru

di chiddi ricchi e chinu comu l'ova,

ch'era patruni d'animali assai,

tinuti cu sapienza nte so terri.

Ci avia cavaddi, scecchi e porci,

pecuri, mulaccioli, jatti e cani,

jaddi e jaddini, papiri e cunigghi,

tutti addivati comu Diu cumanna

sutta cuntrollu medicu speciali.

E puru si li pinni e la piddoscia

a tempu ci appizzavanu l'armali,

vinnuti certu a lu mumentu giustu,

la vita liscia trascurreva attornu:

lu jaddu trabaccava la jaddina,

lu sceccu travagghiava, lu cavaddu

scurazzava, lu porcu s'ingrassava,

la jaddina razzulava, la vacca

mangiava e dava latti in abbunnanza

e lu tempu scurreva comu sempri

tranquilamenti e senza sbavaturi.

Ma si li cosi vannu troppu boni,

c'é sempri cu prutesta e si lamenta

e tantu parra  e porta cataluni

ca infetta tuttu u munnu senza scampu.

C'era nta la massaria 'n-porcu vecchiu,

'n-verru c'aveva circa dudici anni,

tinutu apposta in vita pi stadduni.

Stu porcu, ca lu chiamu Cicciuluni,

era famusu pi la so vicchiania

ed era rispittatu i tutti pari.

'Un avennu mai facenni di sbrigari

oltri a lu mangiari e lu muntari,

si misi in testa d'essiri prufeta

di 'n-munnu novu pi l'armali tutti.

'N-jornu curri vuci nta campagna

ca Cicciuluni fici 'n-sonnu novu

e ca chiamava tutti l'animali

a cuncistoru a sentilu parrari.

'N-cumiziu insumma stu gran porcu vosi

puliticu e segretu nto recintu,

ca fici effettu in veru pirchì novu.

Lu jornu, anzi la notti ca fu ditta,

'un appena lu massaru si curcavu,

si fici 'n gran burdellu nto recintu.

Curreru a frotta tutti l'animali

e comu s'aggiuccaru tutti pari,

lu Cicciuluni, ca sbracatu in terra,

pisanti d'anni, di lardumi e sennu,

nta pagghia si stricava lu panzili,

accuminciò a parrari e dissi forti:

- Cumpagni é giustu ca vi parru dopu

di chiddu ca insunnai, ch'é cosa granni.

Ora parramu di la nostra vita,

ch'é faticusa, allammicata e curta.

Vacchi, porci e jaddini, cani e pecuri,

cavaddi, muli e jatti, tutti pari,

ittamu sangu a travagghiari sempri

e lu massaru comu ricumpenza

ni duna picca pani e lu cuteddu

n'azzicca nta lu coddu pi finali.

La terra ca viditi é ricca assai

e basta pi sfamari a tutti pari,

si l'omu nun s'arrobba lu mangiari.

La conseguenza di lu me parrari

é ca u massaru e chiddi comu ad iddi

su' li nimici feri i tutti nui

e ca l'armali tutti su' cumpagni,

puru li surci campagnoli e chiddi

ca su' sarvaggi senza casa e liggi.

La raccumannazioni ca vi fazzu

é ca chiddi c'avemu quattru peri

semu cumpagni amici e frati e chiddi

ca sù dui peri stannu su' nimici.

Lu sonnu ca mi fici m'ammustravu

lu munnu com’é fattu senza l'omu

e quant'é beddu nun lu sacciu diri.-

Appena fu finutu lu discursu,

l'animali pigghiaru la parola

e tutti assemi ficiru casinu

o puntu tali ca u massaru intisi

e pinsannu a na vurpi cacciatura

ca nto recintu c'era di straforu,

sparavu quattru corpa di lupara.

Allura si strugghivu a cumpagnia

e finivu lu burdellu beddu paru

ca lu silenziu scisi nto recintu.

Dopu tri jorna di stu fattu stranu

scumpari na matina Cicciuluni,

ca la strata pigghiavu du cuteddu

e sta prufitizzannu forsi ancora

nta 'n-pezzu i suppizzata affumicata.

Ma comu quannu nta na vasca d'acqua

di fonti pura casca na manciata

di fangu e tutta s'allurdisci e tingi

e trubula addiventa, d'accussì

tra l'animali du recintu avvinni

ca du discursu fattu in puntu i morti

turbò li menti ed addumò li cori.

Li porci specialmenti su' li primi

ca dicinu ch'é tempu di cangiari.

Davanti a lu catoiu e nta la stadda

fannu comizi sempri chiù viulenti

contru di cu cumanna ed é tirannu.

 

Caliddu, 'n-porcu picciuttazzu e jancu,

tra d'iddi u chiù valenti nto parrari,

si misi in pettu russa na cuccarda

e fici 'n-comitatu d'animali.

Caliddu vinni fattu prisidenti

cu compitu precisu di furmari

nu statu novu ca mittissi fini

a li passati cosi e cuminciassi

a dari corsu a li principii novi

ca pridicavu Cicciuluni santu.

Pi prima cosa organizzò li cani

in Corpu d'Avanguardia Naziunali

ca giuramentu fici d'abbedienza,

poi numinavu li ministri in capu

du novu statu fattu d'animali.

Nta stadda vinni misu 'n- longu scannu

e putruni tutti intornu pe ministri.

Lu guvernu segretu e provvisoriu

arrisuttò furmatu di 'n-cavaddu,

nu sceccu, 'n-jattu, 'n-jaddu e...novi porci!

Quannu tuttu fu prontu e sistimatu,

ordini vinni datu o cummannanti

du Corpu Naziunali d'Avanguardia

d'arristari e d'ammazzari lu massaru

e na matina quattru cani assartanu

in casa a muzzicuni lu mischinu.

Prucessu vinni fattu a lu massaru,

ca vinni spudistatu ed ammazzatu.

Mentri festa si faci nto recintu,

lu Guvernu pruclama u novu Statu

ch'é fattu d'animali e sulu d'iddi,

libiri, eguali e frati tutti pari.

Non chiù porci, cavaddi, cani e jatti,

ma cumpagnuni sutta di Caliddu,

ca dici apertamenti di valiri

né chiù né menu di 'n-autru animali

e pi dari sustanza a stu  cuncettu,

s'abbia nto pettu quattru nastri russi,

quattru cianciani e dui midagghi d'oru

dannu licenza a li ministri puru

d'ornarisi lu pettu i 'n-sulu  nastru.

E chistu p'ammustrari o munnu interu

ch'é cosa granni a libirtati avuta.

Ssi nastri, ssi cianciani vonnu siri

na speci di bannera di valuri,

ma fermu resta u fattu ca cu l'havi

é tali e quali l'autri pupulani.

Dici Caliddu ca la liggi vali

di l'animali tutti pari i stissi,

sulu cumpagni, senza capizzuni,

cu stissu dari e cu lu stissu aviri.

Pi dari  sichitanza o novu statu,

Caliddu fici liggi e liggiceddi

e quannu s'assittavu bonu bonu

nto menzu du cunsessu de ministri

fici 'n-discursu novu 'n-pocu stranu.

Scruscennu li cianciani e li midagghi

e tuppuliannu in terra cu li pedi

dissi sulenni: - Frati mei, cumpagni,

'un é sulu l'omu lu nimicu feru

di la rivoluzioni. Puru nui

ni semu li nimici, siddu ancora

cuntinua lu sprecu e la scialibia.

Ci voli chiù travagghiu e menu pastu!

Cu mangia assai e travagghia picca, dicu,

é tradituri di lu novu statu.

Ordini pirtantu dugnu fremmu

a Pulacani, capu di li sbirri,

d'arristari sti novi tradituri

e di mannarli fora du ricintu,

comu fu fattu cu massaru tintu. -

Lu populu cuntentu batti i manu,

anzi li pedi, e grida: - Viva! Viva!

Scumpari, a muta a muta, du recintu

lu sceccu Cicciu ch'era vecchiu e stancu,

la pecura Saridda  ch'era zoppa,

Rosa la vacca ca non dava latti,

Cuncetta la jaddina spinnacchiata

ed autri mangiaturi di straforu,

cumpresi li jadduzzi i primu pilu,

ca 'n-jaddu sulu basta nto puddaru.

Lu populu ca guarda si cunsola,

ma c'é cu parra e si lamenta in sutta!

Pi subitu Caliddu metti fini

ad ogni lamintela cu 'n-discursu

tuttu impastatu di paroli grossi.

Ma tra li porci 'n-certu Buzzaccuni,

cumincia a baccagghiari pi d'arreri.

dicennu ca Caliddu é supirchiusu.

Sintiti chi successi na matina!

Lu porcu Buzzaccuni, inciancianatu,

chiama a raccolta l'animali tutti

e cu paroli di duluri annuncia

la morti di Caliddu, ca lu vosi

patruni numinari di lu Statu.

Festa nova si fici nto recintu,

mentri nto pettu tutti s'appizzavu

li fregi di Caliddu Buzzaccuni

e 'n-autra ci n'aggiunsi, pi ricordu,

midagghia grossa comu na patacca.

Chiù tardu di Caliddu pesti e corna

si diceva pe strati e nte giurnali

e lu Guvernu tuttu paru dissi

c'abbisugnava ca pagassi mortu

li mali cosi in vita fatti contru

li poviri animali du recintu.

Beddu squartatu fu Caliddu misu

supra 'n-carrettu e poi vinnutu all'omu

senza lassari pila né vudedda.

Pi prima cosa Buzzaccuni dissi

ca l'animali sunu tutti eguali,

ma dissi puru ca tra d'iddi c'é

cu d'eguaglianza n’ havi chiù di l'autri.

La cosa parsi giusta ed appruvata.

Lu porcu Carminazzu vinni dopu

ca Buzzaccuni scumparivu mortu;

a Carminazzu succidivu Roccu,

'n-autru porcu di pilu lisciu e novu

e poi vinni Pandetta, puru porcu.

Mentri cianciani, nastri e midagghiuni

supra li petti di li guvirnanti

(Ca sunu sempri porci immantinenti!)

vannu criscennu sempri chiù currennnu,

lu populu travagghia, taci e mori.

Epuru siddu lu cavaddu Cola

e lu palummu Gianni scappan fora,

resta sempri lu solitu crastuni

ca travagghiannu cridi, appuzza e taci.

La paci regna nto recintu tuttu,

mentri li cani cu li denti i fora

giranu attornu pi guardari a vista

lu libiru cunsorziu d'animali,

ch'é libiru di dari finalmenti

carni, travagghiu, peddi, sangu e vita

'nsicchennu sempri allammicatu e tintu.

Comu vi dissi avanti di parrari,

sta storia ca finivu di cuntari

fu scritta in lingua inglisi tempu arreri

di ddu scritturi numinatu prima

ca dimustrari voli ch'é sbagghiatu

lu corsu ca nascivu, ed ora morsi,

nta Russia comunista e proletaria.

Si vi la prisintavu novamenti,

parrannu in sicilianu imbastardutu,

lu fici certamenti senza scopu,

tantu pi raccuntari qualche cosa

e si non fui caputu nun fa nenti.

Si inveci fui caputu, miditati!