Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Poesie in siciliano sulla Bibbia

Premessa dell'autore alle sue poesie sulla Bibbia

 

  Queste mie poesie in siciliano sulla Bibbia non sono nate da una motivazione religiosa e nemmeno da una motivazione contraria alla fede cristiana.

Esse altro non sono che le risposte un poco salaci ad un mio collega d’ufficio, protestante avventista o  non so di quale setta, che giornalmente mi sciorinava dei versetti della Bibbia secondo il suo credo con la speranza di conquistarmi alla sua fede. Ovviamente io, che non ero del tutto digiuno della cultura biblica, in un primo momento cercavo di ribattere le sue argomentazioni; non riuscendo alla fine a trovare un elemento di intesa nella discussione, per fargli capire che conoscevo come lui la Bibbia e che non poteva quest’ultima ai nostri giorni completamente essere presa per oro colato, pensai bene di mettere in versi alcuni episodi che gli leggevo con l’intento di dimostrargli che il valore del libro non consisteva nel prendere alla lettera quanto scritto, ma nel capire i concetti spirituali espressi ed i valori di cui era l’espressione.

In sostanza volevo dimostrargli che alcuni episodi non sono certamente applicabili ai nostri giorni, poiché, tutto sommato, la Bibbia altro non è che l’epopea di un  popolo, quello giudeo, scritto per spingerlo a riscattarsi  ed a considerarsi il popolo eletto di Dio. Certamente venivano espressi dei concetti altamente morali ed erano quelli solamente da tenere in evidenza.

Avrebbe dovuto capire, infine il mio caro amico e collega, che chiamavo “Frati D’Addea, pecura di Diu”, che era piuttosto anacronistico e non certo calzante oggi  citare , ad esempio, Salamone che aveva non so quante mogli e concubine oppure Davide che da re fece in modo che il marito della sua amante venisse ucciso per poterla sposare .

 

Su questa falsariga mi impegnai a ridicolizzare certe situazioni descritte nel libro sacro non tanto per vilipenderlo, ma per fargli capire che lo conoscevo meglio di lui e che inoltre davo il giusto peso al significato storico e morale degli episodi nell’ambito di una realtà molto diversa della nostra. Sicché ad ogni citazione rispondevo con una poesia satirica che avevo scritto prima a casa guadagnandomi l’appellativo di “miscredente”.

Alla fine però capì che con me perdeva del tempo e finì per non citarmi più i suoi versetti biblici ed a me è rimasto il ricordo del buon D’Addea e naturalmente quello che allora scrissi.

 

 

 

                    ************

 

Cunvincimentu

 

   Nta chiddu ca tu dici amicu miu

mi pari c'é qualcosa ca non quadra!

Mancu mi piaci comu ti cumporti,

ca non mi pari tali e quali a chiddu

ca 'nsigna u Patreternu nta la Bibbia.

Si tu leggi di Luca lu Vangelu,

versettu trentacinqui si nun sgarru,

si parra di na povira buttana

c'appena vitti a Cristu stravaccatu

nta lu salottu di lu fariseu

si misi a quattru peri e pocu manca

ci lava puru li cugghiuna.  Zittu,

ca nun staiu bistimmiannu! Tu lu sai

ca nta ddi tempi antichi di mutanni

nun c'era mancu l'ummira e pirtantu,

s'é veru comu dici lu Vangelu,

ca sta fimmina abbiava a tinchité

profumu nte capiddi e nta li peri

di Cristu ca giaceva, certamenti,

na smuvuta di l'anchi ci cunsenti

d'abbiarni qualche stizza (puru casu!)

chiù supra di lu pedi e di la jamma.

Di stu fattu lu Cristu 'un si scumponi.

Friscu e giummutu li carizzi assuppa

e li vasuni a lacrimi frammisti

e, datu ca liggeva nta la menti

e sapia chi pinsava u fariseu,

ci cunta la parabula de debiti,

sparannu la sintenza, si non sbagghiu

pi vucca di Simuni pronunziata,

ca voli beni chiù assai lu Signuri

cu ci havi chiù piccati pirdunati.

Siccomu a mia piaci tirari i fila

du discursu e di 'n-soccu leggiu aviri

na murali, parramu di stu fattu

e si tu si’ d'accordu cunchiuremu.

'Nprimisi 'nprimisi mi  pari chiaru

ca Cristu nun guardava tra li jammi

lu sessu di la genti ca vuleva

salvari du dimoniu e mancu dava

sustanza e pisu o tipu di piccatu.

'Nsecundisi mi pari ca lu Cristu

nun si scantava d'essiri vasatu

mancu di li buttani chiù buttani

e, chiddu ca chiù vali, dimustrava

ca lu divinu amuri 'un é cunnanna,

ma redenzioni di l'umanu statu.

Si Cristu, ch'era Cristu, 'un ascutava

li pregiudizi antichi di l'ebrei

e 'n-autra vota, si non sbagghiu, dissi

sempri a favuri di na gran buttana:

" cu piccati 'un havi accuminciassi

a pitruliata." (settimu versettu,

Vangelu di Giuvanni), pirchì rumpi

e ti cumporti comu 'n-fariseu?

Lu  fimminili statu 'un é piccatu!

Si chiddu ca ti spingi é malu sangu

é megghiu ca curreggi lu to fari,

pirchì chissu é piccatu. E chi piccatu!

Fratuzzu beddu 'un ha significatu

sapiri lu Vangelu e nun capiri

lu cori di la genti e li so peni.

'Un é megghiu forsi leggiri di menu

Vangelu, libbri sacri e cosi vari

ed essiri chiù boni nto pinseri?

 

 

 

 

            A tragedia de figghi di Davidi

 

 

La musa invocu chiù di l'autri jorna

pi cuntarivi interu 'n-fatticeddu,

unni d'amuri si parravu e corna

ca rumpiri 'un si ponnu cu scarpeddu.

 

C'era na vota 'n-re di la Giudea,

ca a forza ‘i furnicari a cafudduni

cu cui ci capitassi e fussi ebrea,

ci aveva figghi sparsi in tutti i gnuni.

 

E, tantu pi non fari cunfusioni,

a figghi nati  di diversa matri

casa diversa detti e donazioni,

puru si forsi 'un era a tutti patri.

 

Forsi é megghiu diciri ca vi parru

di figghi nati di diversu lettu

a lu re Davidi, accussì non sgarru

supra sta storia ca pigghiai di pettu.

 

Li picciotti Tamara ed Assaluni,

figghi da stissa matri, comu sacciu,

stavanu a parti du fratastru Annuni,

ca primu nacqui, pi non dari impacciu.

 

Dici la Bibbia ca Tamara fussi

di na biddizza tali ca firmari

faceva in siccu treni e filobussi....

Pi favuri D'Addea nun parrari!

 

Nun c'eranu a ddi tempi'n-soccu dissi,

ma siccomu mi veni bona a rima

ascuta in santa paci quantu scrissi

pirchì 'un si tratta cca di fari a scrima!

 

'Nunca! Ripigghiu du discursu u filu!

Sta carusidda ancora virginedda,

appitittusa e nivura di pilu,

tisori aveva sutta la gunnedda

 

risplindenti luntanu chiù di 'n-migghiu.

Pareva ca a cunvegnu u Patreternu

chiamatu avissi Veneri e so  figghiu

pi farni tentazioni ‘i veru infernu.

 

E 'un era 'n-casu sta biddizza granni,

pirchì lu Patreternu ca non dormi

pi cummigghiari Annuni di malanni

di chista si sirvivu e di so formi.

 

Stu pezzu ‘i bestia, comu 'n-maccarruni,

perdi la testa pi Tamara tutta

e va chiancennu peni gnuni gnuni

pirchì la voli ad ogni costu ‘i sutta.

 

Quannu vidi lu pettu ca cuntorna

la vesti e spingi tuttu quantu in fora

e l'annacu di l'anca ca ritorna,

comu a Catania fa la cannalora,

 

e lu nasiddu mudillatu a chiummu

supra la vucca ca lubrica ridi

e l'occhiu cilistrinu ‘i pisci stummu

e li capiddi ca di sita cridi,

 

nun sapi chiù chi fari lu mischinu!

Senti lu spinnu d'abbrazzarla forti,

di furnicari comu 'n-marucchinu,

senza pinsari ca su' cosi storti.

 

S'arrusica li manu, si dispera,

si percia la midudda e si scumponi.

Trova infini lu modu e la manera

di soddisfari a pienu a so passioni.

 

Pi futtirisi di so patri a figghia,

sintiti chi s'inventa stu fitusu,

spingiutu di 'n-parenti, ca cunsigghia

cu malizia a cummettiri l'abusu.

 

Nu beddu jornu dici ca sta mali,

s'attacca in testa la pannizza janca

e vistu ca 'un c'eranu spitali,

si curca e fa sapiri ca ci manca

 

lu sustegnu di medici e 'nfirmeri.

Abbannunatu in funnu di lu lettu,

parenti 'un havi, soru ne muggheri

e si lamenta di 'un aviri affettu

 

e mancu pani duru pi mangiari

e pasta fritta ca ci piaci tantu!

Lu re cumanna allura di mannari

Tamara nti so frati pi lu vantu

 

ca godi sta carusa nta frittura

di li cosi impastati c’a farina,

e si pighiassi d'iddu pena e cura

comu soru ristannuci vicina.

 

Pigghia Tamara un munniu di farina,

pripara cu sulerzia la paredda,

s'abbia lu sciallu supra la carina,

s'aggiusta li capiddi a curunedda

 

e curri nti so frati ad ali aperti.

La picciotta ca 'un era scannaliata

e ca pensa di fari li frittati,

comu arriva pripara la impastata.

 

Metti nta na maidduzza di farina

'n-munzeddu nicu, lu scucuzza 'n-pocu

e poi lu scava in centru a manu china

e, mentri la talia 'n-occhiu di focu,

 

pigghia 'n-bucali d'acqua di la fonti,

la quadia tanticchedda e poi la versa

e impasta, misa 'n-pocu a culu a ponti.

Beddu ca la paredda lustra abbersa

  

supra lu fucularu di mattuni,

ddu gran vastasu di so frati

l'afferra comu fannu li crastuni

accalurati e tosti nta li strati.

 

La povira carusa si rigira,

lu guarda a vucca aperta e l'alluntana,

ma cu chiù forza Annuni si l'attira,

ca si livò d'incoddu a pilandrana

 

e tuttu nudu comu 'n-saracinu

lu sessu ammustra, ca jargiutu e feru

na subbia pari ribummata in chinu.

Vidennuci ddu cosu tuttu interu

 

la mischinedda, ca 'un sapeva nenti

di masculi arrittati, pigghia scantu

e pi quantu la forza ci cunsenti

lu respingi e lu preja comu 'n-santu.

 

- Pirchì mi scappi?, dissi, Si ti scanti

ca semu frati e soru, 'un ha impurtanza!

Comu capiri poi de libbri santi

d'Adamu ed Eva tutta a  figghiulanza

 

sula tra d'idda si multiplicavu.

Di certu soru canusceru frati! -

- Ma 'un é pi chistu Annuni!, riplicavu

Tamara in chiantu, Su' cosi scuntati!

 

Tuttu u fattu mi linchi d'emozioni,

ma di lu re mi scantu e d'Assalunni.

Non vulissi ca tutta sta passioni

ni dassi dopu sconsu e peni funni!

 

'Un é megghiu ca facemu i cosi boni

e ni parramu o re ch'é nostru patri

accussì tu tranquillu a trumma soni

e nun passamu nui comu dui latri? -

 

- Ma poi ci lu dicemu, babbasuna!

Nun fari a scimunita, veni cca,

ca t'arrusicu tutta a muzzicuna!-,

dissi lu porcu tastiannu cca e dda.

 

Tamara allura tutta s'arrimodda.

Mentri lubricu Annuni l'arrimina,

si spogghia tutta, in corpu si lu incodda

e di panza si duna e di carina.

 

Chianceru l'angileddi nta lu celu

vidennu frati e soru fari incestu

ed a ddu pazzu ci livaru u velu

beddu ca già finia di dari 'mmestu!

 

Forsi pinsannu ca 'un c'era bisognu,

nun si curaru di livari veli

di l'occhi di Tamara, ca stu sognu

chiù duci ci pareva di lu meli.

 

Si foru l'ancileddi nun é certu,

ca a  Bibbia nun lu dici in viritati!

Sta di fattu c'Annuni veru spertu

dopu ca ci passaru li vintati

 

di masculu in caluri, stramannavu

la soru in malu modu da so casa.

A dda carusa u cori ci abbruciavu!

Di virginedda a fimmina vastasa

 

si intisi declassari cu dda munta.

Cu la paredda ancora impastizzata

ad Assaluni s'apprisenta e cunta

ca di so frati vinni svirginata.

 

Nun sacciu si nta Spagna aviti vistu

lu toru ch'é pungiutu nta lu bagghiu,

ca furria e pari 'n-pazzu! Accussi chistu,

scavaddannu, s'arrusica lu quagghiu!

 

Comu d'Apollu lu parrinu Crisi,

vicinu o mari burdillusu chiama

lu Diu farsu e bugiardu ca lu intisi

a pesti manna comu dici a fama

 

contru a li Greci c’arristaru fritti;

accussì chiantu in celu leva granni

lu principi Assaluni a manu stritti.

Addumanna s'é giustu ca lu scanni

 

a ddu gran figghiu di buttana e cani

di frati, trarituri du so sangu!

- Cutiddati cu l'agghiu comu u pani

ci vonnu pi cu nata nta lu fangu!-

 

Ci dissi lu Signuri incazzuliatu.

'Nte nostri tempu certu da lupara

Annuni nta na gnuni stinnicchiatu

l'avissiru truvatu! Ma 'un si spara

 

ancora nta ddi tempi ca vi parru!

Assaluni si suca la cucuzza

ma nun si scorda affattu di lu sgarru.

Quannu pari ca ormai li corna appuzza,

 

frati e fatasri tutti invita a festa.

Cu lu mangiari puru u vinu duna

a ciumi e quannu  già furria la testa

ammazza Annuni a corpa di vastuna.

 

Pinsati a lu duluri di lu patri,

ca si truvò di bottu: 'n-figghiu mortu,

'n-autru assassinu di lu frati e matri

forsi la figghia svirginata a tortu.

 

Cunnanna s'assuppavu l'assassinu,

ca fora s'a squagghiavu da Giudea.

'Un é dittu si finivu nta  'n-casinu

la vergini spunnata o siddu prea

 

nta 'n-cunventu di Soru Franciscani!

Comu  sempri finisci nta sti casi,

ca cu campa s'arrusica lu pani

ed a cu mori sulu morti trasi,

 

lu principi Assaluni vinni tostu

pirdunatu e, si pensa, puru a figghia.

Lassati ca u pinseri me ripostu

vi dicu e poi finisciu: - Chi famigghia!

 

 

 

 

                    A storia di Sansuni

 

 Vinni lu tempu infini di parrari

 

di tia Sansuni capiddutu e forti

ca d'Erculi l'immagini mi pari,

dicennu quali fu to tristi sorti.

 

De Giudici nto libru, ch'é viraci,

(tridicesimu capu, li versetti

cummeni li lassamu stari in paci!)

si cunta quali foru netti netti

 

li primissi da nascita di st'omu

(pi vuluntà divina senza menu!)

Du pirchì cca si parra e du pircomu

Sansuni vinni o munnu Nazirenu.

 

A la manera du Pelidi Achilli,

ch'era infatatu propriu nto carcagnu

ed ammazzava i genti a milli a milli,

pirchì Teti ci fici fari u bagnu

 

ancora nicu nta lu Stigi eternu

tinennulu pi ddocu, la putenza

di Sansuni faceva sulu pernu

nta li capiddi zazzaruti senza

 

macula di rasolu mantinuti.

Ma mentri Achilli aveva lu difettu

d'incazzarisi mentri si discuti,

l'ebreu Sansuni ci avia nta lu pettu

 

l'inclinazioni a perdiri la testa

davanti a fimminili annacamentu.

Cu la prima ca ci faceva festa

de fatticeddi so facia cummentu.

 

A pigghiarlu pi prima pi lu culu

fu na picciotta ch'era filistea.

Forti e tistardu comu 'n-veru mulu

muggheri si la fici comu ebrea.

 

Ma chista rivilò la numinagghia,

ca Sansuni aveva fattu veru strana,

ci fa li corna e matrimoniu tagghia.

Sansuni allura cu na durlindana,

 

fatta cu 'n-ossu di nu sceccu mortu,

minnitta fici di li Filistei.

Ma 'un c'é peggiu di cu nasci stortu,

ca nun ci ponnu esempi e mancu prei!

 

Nun ci abbastavu a prima filistea

ca tradimentu e corna ci purtavu!

Ddi tempi dda viveva nta Giudea

na fimmina chiù duci i meli i favu,

 

mannata apposta di li Filistei

a buttaniari comu nenti fussi

pi fari la spia contru di l'Ebrei.

Chiddu ca fannu Miricani e Russi,

 

l'arti di spiari, puru tannu c'era!

Avia precisu scopu di scupriri,

sta fimmina, lu modu e la manera

d'acchiappari a Sansuni e di tiniri

 

'mbrigghiata la so forza spavintusa.

Sintiti chi cumbina 'n-pilu sulu

di na picciotta, siddu la jarrusa

ammustra pettu , cosci, sticchiu e culu!

 

Annigghiulutu nta lu baccalaru,

Sansuni cunta la segreta fonti

di la so forza e dici beddu chiaru

ad idda forsi misa a culu a ponti

 

ca a 'nfatatura ci havi nte capiddi.

Comu lu suli tumma nta lu mari

mentri lu celu si linchi di stiddi,

accussì Sansuni dopu u trabbaccari

 

s'abbia nto lettu e dormi beddu in chinu

e nun senti la forbici ca tagghia

e quannu s'arrusbigghia lu mischinu

la corda senti inveci ca l'ammagghia!

 

'Ncatinatu ristò finu a la morti

ca Diu ci detti insemi a forza infini

pi farlu granni nta la malasorti

e dirlu  Nazirenu finu a fini.

 

Forti di pilu, s'imbriacò di pilu

pirchì stricannu pilu contra pilu

attunnari si fici di lu pilu,

pirdennu forza libirtati e pilu!

 

A mia mi pari ca la Bibbia insigna

ca l'omu forti siddu futti e parra

qualcuna trova ca ci fa la tigna

e lu culu ci pigghia e ci lu sbarra.

 

  

 

                  La storia di Salamuni

 

 Sta storia di lu re di la Giudea,

di Salamuni dicu, l'omu giustu,

'n-problema matematicu mi crea,

ca ridiri mi fa di veru gustu.

 

Di setticentu fimmini maritu,

dici la Bibbia tali e quali

ca tri cantari ancora senza ritu

prescrittu di la liggi maritali,

 

si tineva pi spassu e pi dilettu.

Si nun sbagghiu li cunti st'omu santu

lu nummaru di milli giustu e nettu

di fimmini tineva in ogni cantu.

 

Siccomu curri fama ch'era giustu

e si vi ricurdati nta na banna

parrava di spartiri giustu giustu

nu picciriddu a pezzi, a me dumanna,

 

ca trasi a pilu cu lu tema postu,

é di sapiri comu u galantomu

facissi a dari 'mmestu ed a chi costu

a tutti pari pi lu so bon nomu.

 

Si tinemu lu cuntu de fistivi

(lu sabbatu l'Ebrei v'arricordu

ca 'un facevanu nenti ca si scrivi),

l'annu pisatu a nettu e nun a lordu

 

'un é chi—assai di tricentu jorna in tuttu.

Mittentu in proporzioni lu tricentu

cu milli esattu nesci fora 'n-bruttu

rapportu di frequenza in gudimentu

 

pi sti poviri fimmini suggetti,

a menu che stu forti salamuni

nun si sparassi milli corpa netti

tutti li jorna cu lu so cannuni!

 

E vistu ca 'un ci sunu avocazioni,

interinati,  tempi cumulati,

mancu decreti di sostituzioni

'n fattu di pilu e cosi assimilati,

 

sti milli corpa tutti di cannuni

'un puteva diligari mancu in parti

a li ministri u nostru Salamuni,

custringiutu a jucari ch'e so carti.

 

Cumporta almenu na menz' ura in puntu

'n-sulu corpu sparatu  cu sustanza

e la mittuta in canna puru in cuntu:

pi milli corpa 'n-jornu 'un ha bastanza!

 

Facemu ca stu re sancissi all'ura

di stbiliri toppi a chinnicina

pi soddisfari a turnu ogni signura:

lu migghiaru scala a cinquantina,

 

cu l'impegnu precisu giurnaleri

di sparari u cannuni in sichitanza

pi dudici uri comu 'n-muschitteri.

Mittemu ca ci avissi sta pussanza

 

comu faceva pi lu restu st'omu

a dormiri, mangiari, guvirnari,

sapennu inoltri ca si fici nomu

di perdiri jurnati pi spaccari

 

lu pilu in quattru nta li tribunali?

Facennu la mitati di cinquanta

s'agghica giustu a quota sindacali!

Ma sei uri di cannuni ca ti canta

 

cumporta sulu 'n-assaggiata a stentu

'nta 'n-misi i cosi duci a li signuri,

ca sunu in tuttu deci voti centu!

Sulu pi fari calculi sicuri,

 

nto sviluppu di turni 'un fatti mali,

pensu ca jorna ni pirdissi tanti

st'omu rettu, ca infini lu totali

de risultati fussi chiù pisanti!

 

In summa nun tirannu a corda ancora,

sugnu cunvintu ca stu Salamuni

chiù menu i quattru o cinqu voti i fora

nisceva nta jurnata lu cannuni

 

e di certu nun sempri cu custanza!

Pensa si ci facissi mali a testa

oppuru u peri o la stissa panza

o qualcun'autra cosa chiù mulesta

 

ci pighiassi d'incoddu i tantu in tantu.

La conseguenza di sti fatti certu

é ca st'omu, di la giustizia vantu

e ca la storia voli puru spertu,

 

tineva milli donni in pinitenza

cunnannati innuccenti nta la corti

ad osservari tutti l'astinenza

senza aviri spiranza i bona sorti.

 

Siccomu certi cosi 'un sunu tali

d'essiri suppurtati a pisu mortu,

certamenti qualcuna chiù giniali

pi cuntu so si guvirnava l'ortu.

 

Accussì comu fici a matri stissa

di chistu nostru amicu Salamuni;

di Bettisabea parru ca 'un fu fissa

d'aspittari pi sentiri u cannuni

 

ca turnassi u maritu di la guerra.

Comu cunta la Bibbia in veritati

a la cedda di Davidi s'afferra

sta fimmina c'avia sensi addumati.

 

E siccomu a cu futti e si ni futti,

lu dici puru lu proverbiu anticu,

lu Patreternu ni pirduna a tutti,

sta Betty persi sulu u figghiu nicu.

ca vinni prima di stu fattu impuru

e dopu addivintavu la muggheri

du re di la Giudea figghiannu puru

stu Salamuni senza chiù pinseri.

 

Si puru sta facenna fussi vantu,

a mia nun pari cosa tantu strana

ca stu gran re putenti, st'omu santu,

fussi curnutu e figghiu di buttana!

 

 

 

 

            Supra la criazioni

  

    Lu Patreternu 'n-jornu si stuffavu

di svulazzari supra di lu nenti

cu l'ali aperti comu aceddu in volu

e nun avennu propriu nenti i fari

tutta na vota pinsavu di criari.

Lu primu jornu cu 'n-suspiru sulu

fici la luci e notti e jornu foru;

la secunna jurnata mari e celu

tuttu di 'n-corpu netti scumpagnavu;

lu terzu jornu la terra siparavu

du mari e la vistivu d'erbi frischi,

di pianti, siminzeddi, frutti e fogghi;

lu quartu jornu suli e luna, stiddi

e nuvuli impicavu nta lu celu;

lu quintu jornu cu 'n-ciatuni sulu

di pisci u mari e d'acidduzzi u celu

linchivu tutti e giniranti puru;

lu Patreternu nun s'accuntintavu

di chiddu c'avia fattu finu allura

e la  sesta jurnata a didicavu

a la criazioni di l'armali in terra.

Dopu ca fici tutti quanti i speci

c'ancora avemu d'animali o munnu,

decretavu di criari l'omu tali

c'assimigghiassi ad iddu tuttu quantu,

ca suvrastassi la natura intera

e lu chiamassi patri in sempiternu

e ginirassi cu diversu sessu

na granni discindenza supra a terra.

Dopu sei jorna di travagghiu intensu,

lu Patreternu ca nun era stancu

la settima jurnata 'un fici nenti,

pi lassarici all'omu insignamentu

d'adurari ssu jornu lu Signuri.

Pi criari l'universu tuttu interu

Diu si sirvivu sulu di pinseri

e di ciatuni e corpa d'occhi in siccu,

ma quannu criavu l'omu vosi dari

'n-impronta pirsunali p'insignari

ca a Diu assumigghia, ma ca veni i nenti.

Pigghiò di fangu quattru cardarelli

e travagghiannu comu 'n-artigianu

ni fici 'n-pupu tuttu sanu e tali

c'arrispicchiassi d’ iddu lu mudellu.

Ci fici testa, corpu vrazza e jammi,

capiddi, nasu, vucca, frunti ed occhi

e tra li jammi sessu masculinu

cu l'apparatu genitali posi.

Cu na ciusciata infini desi vita,

'nsemi a ragiuni vuluntati e gustu,

o pupu ca di carni addivintavu.

Si cumpiacivu Diu di l'opra fatta

e dissi nun é giustu ca ni resti

senza cumpagna st'omu appena fattu.

Di supurusu ventu l'invistivu

e da custata ci pigghiò na parti,

la mudillavu cu sapienti manu

e, quannu all'omu u sonnu ci passavu,

si vitti accantu stari la cumpagna.

Forsi pi manu mutu la pigghiavu

cu cori tuttu chinu d'emozioni.

Lu Patreternu si cumpiacqui ancora

e cumannavu d'essiri filici

nto Paradisu fattu apposta p'iddi,

di crisciri cuntenti e fari figghi;

ma l'ordini ci detti perentoriu

di non tuccari di na pianta fruttu.

Comu l'aceddi cinguettanu allura,

quannu la primavera l'arrusbigghia,

disegni fannu in celu cu lu volu

e supra i rami stuzzicusi e duci

nta l'amuri su' tutti acchiffarati,

accussì l'omu a la cumpagna in terra

vivevanu d'amuri e spinsirati.

Ma lu dimoniu, l'angilu ribelli,

ca sfascia sempri i cosi boni e santi

l'aspettu di scursuni si pigghiavu

e cunvincivu a fimmina a piccari;

sapevalu  ca l'omu é maccarruni

e ca bastava na carizza appena

pi farlu sragiunari comu nenti!

Sulu na mela smuzzicata a stentu

fici incazzari in chinu lu Signuri,

ca si squaravu comu st'omu fattu

vulissi accavaddari u stissu Diu.

Lu Paradisu in terra chiù non fu

e l'omu detti culu a travagghiari,

semza  spiranza chiù di riturnari

unni fu criatu senza peni e morti.

La vita addivintavu pinitenza

pi stu piccatu  tintu originali

e sulu cu a vinuta du Missia,

divinu figghiu di l'Amuri eternu,

spiranza ci havi d'essiri salvatu.

 

  Chi  bella storia! quanta fantasia!

Lu Spiritu divinu ca svulazza

di supra all'universu informi e vanu,

la luci ca cumpari all'antrasatta,

li stiddi, u suli, a luna impiccicati

e fissi nta lu celu cu 'n ciusciuni,

li terri ca cumparunu du mari,

lu munnu ca si popula d'incantu

d'aceddi, pisci ed animali tutti,

l'omu di crita fattu comu Diu

lu voli e la cumpagna nata d'iddu

e l'arvulu impidutu e lu scursuni

e l'omu pinitenti e pirchì mori

e l'omu tali a Diu ma nun é nenti,

lu tentativu d'eguagliari a Diu,

la punizioni e la spiranza persa

di na vita, ca c'era, senza morti!

Ju leggiu, cridu, ma cunvintu sugnu

ca sunu fruttu i fantasia sti cosi

ca fonu scritti ripurtannu a galla

pinsati di li tempi antichi a scopu

di dari insignamenti di murali.

Pirtantu, pensu ca c'é Diu sicuru,

ma ca sti fatti 'un hannu cunsistenza.

Ma lu viditi u Patreternu fari

pupi e ciusciari in celu comu 'n-pazzu

o svulazzari comu 'n-passareddu?

Dici beni la Bibbia ch'é criaturi

Diu d'ogni cosa, ma sti fatti ditti

sunu sulu in manera di cuntari

cosi adatti a la genti di ddi tempi.

Ma ci criditi pi davveru amici

ca a fimmina fu fatta di na costa

di l'omu addumisciutu in Paradisu?

'Un é veru forsi u fattu ca ddi tempi

sulevasi pinsari ca la donna

suggetta fussi a putistà di l'omu?

E l'accuppiata stramma di scursuni

e fimmina pi fari dannu all'omu,

nun vi pari sanciri la cridenza

di l'arti fimminili ca subissa

l'omu, lu perdi e tuttu lu sutterra?

Comu d'Omeru la canzuna antica

di fatti parra  rumanzati e veri

e dici cosi di li Dei perversi

ca foru critti di l'antichi Greci,

a mia mi pari ca la Bibbia Santa

parra di cosi veri e rumanzati

c'hannu lu scopu sulu ben precisu

di spingiri l'Ebrei a la cridenza,

dicennu cosi incudduriati apposta

ca u Patreternu nun pinsò di fari

o ca diversamenti in celu fici.

Cu sta primissa, ca 'un é  cosa i nenti,

leggiu la Bibbia ca rispettu sempri

ma 'un pozzu fari a menu di babbiari

supra li fatti in veru  grussulani,

semza pi chistu sentiri rimorsu

e pinsamentu di pigghiari in giru

lu Patreternu ca lu munnu fici.

 

 

Nun facemu ca lu patreternu

            ci ripinsassi…

 

Quannu lu Patreternu si stancavu

di fari ,n-soccu fici nta sei jorna,

supra na nuvula assittatu dissi:

“ora vinni lu jornu  di ristari

a  ripusari anticchia pi’ nsignari

all’omu ca si stanca e ca ‘un è Diu.

Nun fu cosa ca fici accussì  bona,

ca subitu burdellu ni nascivu

tra l’omini criati appena ddocu

pi’ stabiliri si càpita di  sàbutu

ssu jornu di riposu appena natu

oppuru dopu, lu duminicali.

Mancu finuta fu sta guerra santa,

ca nautra ni nascivu  sindacali.

Nun basta na jurnata sulamenti,

dici qualcunu, ca ni sapi assai,  

pirchì lu patreternu si scurdavu

di pricisari l’uri di travagghiu

di tutta a simanata ca passavu

facennu suli, terra, mari, celu

e l’autri cosi ca nun sunu picca.

Gira, rigira e vota, arrisuttavu

comu qualmenti u Patreternu fussi

contru u sindacatu, pirchì dui

hannu a siri li jorna di riposu

ca ci attòccanu all’omu ca travagghia

 e noni sulamenti l’unità,

ca ci si voli dari appena appena.

Sugnu cunvintu ca lu Patreternu

cumincia propriu ad accucchiari dubbi

supra stu fattu di la criazioni,

non certu pi’ li pianti e pi’ l’armali,

ma propriu pi’ stu scemu fattu regi

di chiddu ca ‘un apprezza e tratta mali.

“Ci dicu di non travagghiari sempri

e  ripusari na jurnata sula

nta la simanata … e ci pari picca!

Ci dicu ca  lu pumu ‘un s’ha tuccari …

ed iddu si lu mangia e poi ci aggruppa,

ci dugnu la cunpagna pi’ la vita …

ed iddu si la futti e poi l’ammazza.

Nun parru di li figghi ca tra d’iddi

si dunanu la morti cu custanza

ancora prima d’invintari  l’armi.   

Nun parru mancu di l’autri purcati

ca pari cumminari  sempri apposta,

ma,  chista, dicu, di la misa in cruci

di lu figghiuzzu miu, ca mannai

pi’ pirdunari a tutti,  nun m’a calu.”  

Lu Patreternu daccussì pinsava

pirchì davanti aveva   lu futuru,

ca pi’ d’iddu è prisenti, essennu Diu

e già videva Cristu misu in cruci

e tutti l’autri cosi brutti assai.

Ma ‘un fussi megghiu ca si ci ‘a finissi

di fari sti cusazzi  tinti  e lurdi

prima ca lu Signuri ci ripensa

e strogghi, comu  fici già na vota,

li nuvuli assimblati tutti assemi?

Non dicu di santuni addivintari

uguali a picureddi nta l’aggiuccu,

ca tanticchia di sali nun fa mali

assemi a pipispezzi si vuliti,

ma porca miseriazza maliditta,

finèmula cu bummi e  cutiddati,

finèmula di fari stragi a màtula

pirchì la vita è vita sulamenti

e cu’ la morti nun s’accucchia nenti

e fa ‘ncazzari puru lu Signuri.

 

 

Lu Vecchiu tistamentu

 

Quannu la storia leggiu di Mosé,

ca divintavu capu di l’Ebrei

e li salvavu contru l’Egiziani,

mi veni lu suspettu ca  lu libru,

ca sacru è proclamatu nta la terra,

fu scrittu sulamenti da qualcunu

ca scopu aveva di fari granniusu

nu populu scunfittu e suttamisu.

Mi pari di capìri ca lu libru

fu scrittu tuttu paru pi’ l’Ebrei.

Di Salamuni,, Dàvidi rignanti

di Sàulu regi ca ‘mpazzivu puru,

d’Abramu,  di Giuseppi e li so frati,

si parra in sichitanza, senza mai

citari chi successi all’autri genti

di la terra ca furu certu nati.

Di chisti si ni parra, pirchì fòru

vinciuti di l’Ebrei, prutiggiuti

di lu Signuri, ca li voli beni.

Vi ricurdati di li Filistei

e di  Sansuni e puru di Golia

e di li fatti ca vi sunu scritti?

A mia mi pari ca stu libru è sacru

certu, ma sulu pi’ la genti ebrea,

ca mancu cridi ca  lu Santu Cristu 

nun è prescrittu ca vinissi in terra

nto Tistamentu ca chiamamu vecchiu

e chiddu ca c’è scrittu nto Vangelu

nun è dn cosa ditta in viritati.

E giustamenti ad iddi veni dittu

ca supra di la terra sulu Ebrei

sunu  i figghi naturali du Signuri

e dacussi stu populu pirdutu

la forza trova d’essiri cchiù forti

pi’ vinciri cu’ prima li vincivu.

 

 

 

       La nascita di lu matrimoniu

 

Quannu lu patreternu vitti misa

pi’ vistimentu novu

dda pampina di ficu

supra  d’Adamu nta lu paradisu

ed Eva ca lu ciònnu s’ammucciava

cu na manu e li minni

si  cummigghiava a stentu cu’ virgogna,

“mi pari, dissi,  ca  sti mascarati

lu fruttu s’ammuccàru

ca ‘un era di tuccari.

Videmu c’hannu a fari sti vastasi!”

S’assetta nta lu tronu e poi li guarda

cu l’occhiu ch’era chinu

di santa ‘ncazzatura.

Ad iddi, misi dinucchiuni, dissi:

“Ma bravi pi’ davveru Adamu ed Eva!

Ma chi pinsati ca sugnu minchiunazzu

a non capìri ca, nasciuti appena,

vuliti divintari comu a mia,

ca sugnu granni comu l’infinitu?

Nisciti di ccà dintra e ccmminati

mittennuvi li scarpi e li vistiti

vistu ca v’affruntati

di stari tutti nudi comu fici

e vi sintiti lurdi tutti pari.

Faciti ‘n-soccu voli u vostru cori,

ma si nun travagghiati, nun mangiati

e Tu, ca di virgogna pari china,

finu a quannu  nun mori

assuppati u duluri di ss’ammuccu.

 Cu’ pena e chiantu figghi

nto munnu tu farai,

pi’ chiddu ca facisti in paradisu

Tu, scimunitu cchiù di quant’è giustu,

ca ci pruvasti gustu

nun pinsari ca ti la passi liscia,

pirchì si sgarri sempri e non travagghi,

po’ fari sulu piscia.”

Daccussì  nascivu  nta lu munnu

la storia eterna, ca la vosi Diu,

di fimmini muggheri

e masculi mariti,

ca sempri assemi sunu cunnannati

a fari pi’ ristari a galla

supra sta terra, ca ‘un è paradisu.