Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Ritratti - Poesie siciliane

di Pippo Nasca

 

 

******************

 

                             I SALATEDDI 

Premessa:

 

  Un ramo della poesia è la satira che generalmente viene usata nel mondo politico ed ha lo scopo di fare del proselitismo. Anche io nel mio piccolo panorama poetico mi sono servito di questa forma letteraria, non certo per acquisire consensi politici, ma semplicemente per sorridere od esprimere il mio dissenso nell’osservare gli atteggiamenti di alcuni personaggi con i quali sono venuto a contatto. Ne è venuto fuori una raccolta di quadretti poetici in siciliano o meglio di ritratti satirici ai quali ho dato il nome di “salateddi”, ovvero di ritratti un poco piccanti e critici, appunto come i salatini degli antipasti.

  Un modo, il mio, di dare libero sfogo alla mie critiche senza, per altro, ricorrere ad uno scontro diretto con determinati personaggi. Alcuni di essi più che suscitarmi acredine, sono riusciti anche a strappare il mio consenso o la mia comprensione, che non ho esitato di dimostrare con sincerità.  Purtroppo con qualcuno è avvenuta … la rottura e non sono bastate le scuse! Mi riferisco in particolare al poeta ferroviere Vincenzo  Mastellone  capo stazione ad Enna, ormai  nel mondo dei più, per la mia critica sottilmente salace ai suoi versi, che in verità “puzzavano” troppo di Pascoli anche se non lo dissi apertamente. Infatti mi limitai semplicemente a scrivere che i miei versi non erano … niente!

  Nel comporre queste poesie, mi sono servito del dialetto siciliano ed in linea di massima dell’endecasillabo, che è il verso principe della nostra letteratura per la sua tonalità ed il più delle volte ricorrendo al “sonetto”, che nella brevità dei suoi quattordici versi rimati riesce a sintetizzare i concetti più complessi realizzando, appunto, un quadro succoso e completo del singolo personaggio e del suo carattere. 

  Un'altra delle curiosità di questi scritti è che io ho cominciato a scrivere in dialetto proprio dalla satira ed è per questo che i ritratti che ne vengono fuori sono quasi tutti autobiografici.  Insomma la satira è stata la pietra miliare del mio amore per il dialetto, che ho imparato a conoscere meglio ed a cercare di renderlo in lettere. Qualcuno si lamenta che non è facile leggerlo, ma  posso assicurare che scriverlo è ancora più difficoltoso!

 

****************

 

 

          Lu fintu deputatu

 

   Cangiati di cursa 'ssa pannizza,

omu bestia, loccu e babbasuni.

Nun c'é chiù tempu ca sasizza

pì cu' nasci e crisci picuruni!

   Pi sentiri di menu l'amarizza,

ragghi comu sceccu a lu vadduni,

pirchì c'é cu' spissu t'accarizza

'ssa facci di scemu a timpuluni.

  Si diventi grandi deputatu,

pigghiannu di voti 'nu quintali,

nuddu c'é pi nenti siddiatu:

  Sempri sceccu, pezzu d'animali,

tu resti da tutti calculatu,

cu tantu di bastu e di tistali.

 

 

          Lu cumpagnu Stranu

 

   Di cani braccu faccia e mussu oscenu,

lingua d'infernu ed alitu fitenti,

strisciannu comu lubricu sirpenti,

apri la vucca sputannu vilenu.

   Passa jurnati sparlannu la genti,

a dd'acida linguazza nun c'é frenu,

apposta trucca li cosi ca senti,

dici ch'é negghia lu tempu serenu.

   Chistu 'un travagghia, chidd'autru é ruffianu,

chist'é curnutu, chidd'autru animali,

nun hannu tutti ciriveddu sanu!

   Ma tutti certu sannu quantu vali

e quantu pisa stu cumpagnu stranu,

veru surdatu fattu capurali!

 

 

 

             La soggira

 

  Quannu la sturiella liggivu, o Petru,

di lu triplici cantu di lu jaddu,

pinsannu d'applicari giustu metru,

ti giudicai pi veru 'n-beddu taddu.

  D'un santu impusturi visti lu spettru,

ma stu pinsari fu sulu un azzardu.

Ora sacciu! E di dirlu nun arretru!

Si ti ni parru ancora nun é sbaddu.

  Scusami davveru o Petru santu!

Sulu lu paradisu a tutti l'uri

ci tocca a l'omu ca supporta tantu!

  'Un importa si tradisti lu Signuri,

ca ti bastò pruvari sulu scantu

di sentiri di soggira l'oduri.

 

 

              

    

          Marrella

 

   Li santi di lu celu sunu in terra,

burdellu a non finiri a tavulinu,

paroli grossi a cannarozzu chinu,

carta bullata e dichiarata guerra

   a li putenti e quant'autri rinserra

la classi dirigenti e lu distinu.

- Chistu é bastardu! Chiddu é 'nu cufinu! -

Mentri grida o' telefunu s'afferra

  pi chiediri cunfermi a tinchité.

- Nun é giustificatu! Chista é bella!

Non pò siri! A cunferma cca non c'é!!

 - Caricata oggi fu una rapanella,

tri patati, un citrolu e du' paté...

Lu capisti? Si parra di Marrella.

 

 

 

              Giuvanni Cavallaru

 

    'Nu brindisi facemu cu stu vinu

ca veni friscu e forti da muntagna!

Mentri un bicchieri la vucca ti vagna

e cu la manu 'n-autru ni fai chinu,

    'n-versu spara di chiddu sopraffinu,

ca vogghiu 'un finisci sta cuccagna.

Lu vinu ca non scurri si ristagna,

mentri 'un si fremma l'amaru distinu!

    Scurdamu dogghi, mutuperi e lazza,

caru Giuvanni ca fai lu saccenti,

'nu bicchieri superchiu nun t'ammazza.

   Ora ca semu in saluti e cuntenti

gudemini tranquilli sta vitazza,

pirchì murennu nun ci resta nenti!

 

 

 

               Carmelu Topazio

 

   Nun c'é finestra c'aperta pò stari,

scula suduri, l'aria si ristagna,

di li muschi si senti lu vulari.

Di sutta di la lenti l'occhiu appari

   chiù duru e torvu da stissa muntagna.

Cu' sbagghiavu nun havi chiù chi fari!

'N faccia lu varda, di sutta si vagna

e moddu resta senza chiù parrari.

   Tratta di carri luntani e vicini,

li metti insemi e nun duna saziu,

nun supporta pi nenti li casini,

   tira drittu, a lu sbagghiu nun dà spaziu,

nudda carta finisci 'nte cistini,

'n quattru spacca 'n-sulu pilu: é Topaziu!

 

 

 

              Maria

  

    Arreri a lenti scura l'occhiu attentu

assicuta la pinna a punta fina,

ca curri, frena e signa senza abbentu

lu turnu ca si fici di matina,

   oppuru 'i notti o pomeriggiu. A stentu

la manu la tratteni e l'arrimina

supra la carta arata cu turmentu.

Mentri traccia cu traccia si cumbina,

   nesci di fora la travagghiu fattu

cu cumpitenza e granni valintia.

La manu fici ormai l'ultimu scattu,

   li carti sunu a postu! E tu, Maria,

ca fusti misa ddocu o postu adattu,

si’ faru di suverchia simpatia.

 

 

               Angelico

 

    E' grossu e tunnu comu 'na badduzza,

'un havi paci mai e sempri di pinseri

'n-pocu strani si pasci la cucuzza.

Di misteri faceva lu varveri.

   Di lu travagghiu lu tempu s'accuzza,

apri finestri, sbalanca purteri,

o' zu Lillu li panini ci scuzza,

vidi a Carmelu e si vota d'arreri.

   Chi nomu biatu, beddu, angilicatu!

Putissi stari comu un principinu

inveci sentisi perseguitatu.

   A tutti va dicennu ch'é malatu.

Si pensa ca mi pigghia pi cretinu,

nun ha caputu tuttu l'apparatu.

 

  

 

            Tania

 

  D'unni spuntasti accussì duci e frisca?

Si fonti d'acqua pura o stidda nova

o farfalla ca l'ali si rinnova

o nuvula c'ca nuvula s'ammisca,

  non scciu si mi pari, mentri pisca

lu sguardu 'nta ssu pettu e menti prova

disiu d'amuri e ciavuru d'alcova.

Ss'occhi pizzuti e latri fannu d'isca

  a lu poarrari sciotu e cunvincenti

ca nesci di ssa vucca, fatta a posta

pi vasari e cunfunniri la menti

  ed a curnici di ssa facci tosta

c'é puru 'na francetta impertinenti!

Dammi 'n-soccu voi, quantu costa costa!

 

 

 

          Vicenzu, lu pueta

   

   O tu, Vicenzu, pueta ferrovieri,

ca puisia lacrimusa spanni a ciumi

e la vai declamannu peri peri

e mi voi dari ad ogni costu lumi

  supra li versi mei, ca 'un sunu nenti,

assupiti 'n-sunettu e ni desumi

qual'é d'iddi lu sugu e lu pareri.

Tu guardi e scrivi e poi tuttu t'addumi

  di liricu caluri e t'addumanni

si pueta si’ di chiddi chiù putenti,

e tali ti cunfermi a tutti banni.

  Comu dici, i me' versi su' fitenti,

ma sacciu almenu cu mudestia granni

ca sunu picca cosa, 'un sunu nenti!

 

 

 

          Giosué Carducci

  

  Di ribummanti e inciancianatu stili,

pueta grossu di fattu e di sustanza,

linchisti versi sdrucciulusi e forti.

La vergini furmusa e marmurina

apprisintasti supr'u campidogliu

e di rumana antichitati e forza

vististi petri assuntumati e friddi.

Di Romulu l'aratru cilibrasti,

ca primu detti signu tracutanti

d'italicu valuri prirumpenti.

'Nta l'aria sentu trummi strumbazzanti,

saturnii carmi e corvi crocidanti

e vidu spadi di curruscu ferru,

eburnei carri, turriti casteddi.

ignei vapuri, incinirati trizzi,

e, in testa a scheri, aceddi romulei.

Ma mentri ammustri parguletta manu,

stinnuta versu l'arvulu granatu,

ti vidu l'ostensoriu tra li jta

e sentu intornu ciavuru d'incensu

 

 

 

    La ballata di mister Smith

 

Accumincia la Jurnata:

cinqu vaschi,  'na firmata,

cinqu tazzi 'na pisciata,

'na taliata di scagghiola

pi l'aceddu ca non canta,

'n-assittata a tavulinu,

cu' frastornu e cu' scunfortu

pi li carti da guardari.

Menu mali ca lu cessu,

unni pari ca ci curri

vinti voti nta jurnata,

si lu trova dda vicinu.

Dda ci campa, dda ci sguazza,

dda pripara l'accuglienza,

ca 'un pò aviri sichitanza,

senza cessu in viritati!

Carcaria 'na jaddina,

ci arrispunni na secunna

e lu cori ci s'allarga,

ca cumincia l'accuglienza;

l'accuglienza prilibata

di 'na corti di clienti

scanzunata e schiffarata:

c'é cu' porta pastiscek,

c'é cu' paga lu café,

c'é cu' cusi la suttana,

c'é cu' prova la mazurca,

cu' la musica si senti

o cu' leggi lu giurnali.

Lu travagghiu, ca non pari,

é frimenti, é prirumpenti!

Passa tutta la simana

Ricumincia chidda nova,

ma la musica non cancia:

cinqu vaschi, na firmata,

cinqu tazzi, na pisciata,

na taliata di scagghiola

pi l'aceddu ca non canta...

 

 

 

           A   Pippinu Rostu

       nto jornu di la pinsioni.

  

   Ora ca vinni infini lu mumentu,

cu commozioni e cu fraternu affettu

a tia, Pippinu, dedicu 'n-sunettu.

Sti me dui versi curti ca t'inventu,

   'un sunu pi farti sentiri cuntentu.

Ti cridu veramenti 'n-omu rettu,

un ferrovieri dignu di rispettu.

Tu pi lu sindacatu 'un hai abbentu:

   sempri prisenti cu cuscenza e forza,

t'ha cumpurtatu sempri cu custanza.

La delusioni, ca curaggiu smorza,

   t'ha datu inveci sempri chiù sustanza.

Lu sindacatu lu nomu to rinforza

e, si si’ pinsionato, 'un ha impurtanza.

 

 

        La nova pustera

 

  'N-pocu svanita e civittedda pari,

s’ assittata la vidi cu manera

e in posa di miraculu ammustrari

o si camina la nova pustera.

  Cu sincronia li cianchi fa ballari,

t'ammustra menza nura la pittera,

li cosci ti custringi ad ammirari,

t'abbia d'incoddu du' occhi di pantera.

  Quannu la limgua tra li labbra movi,

mustrannu di chi focu e di chi cori

su' l'anima e lu pettu ardenti covi,

  non pari ca c'é sempri cu' ni mori!

Purtroppu nta stu munnu ti ritrovi

cu' guarda, si, ma sulamenti errori.

 

           

             Sariddu

           

  Caru Sariddu, vistutu di novu,

chi ti successi cu ss'occhi spirdati?

La paci c'avevi nun t'arritrovu!

Ju vidu di 'ssa tigna li sudati

  e pensu di sapiri quali chiovu

ti percia la midudda e quali strati

li cirivedda fannu 'nta ssu covu.

Di lu caluri sentu li vintati,

  quannu assittatu arreri 'u tavulinu

ti vidu tuttu russu e allicchittatu

ballari supra 'a seggia a capu chinu

  o quannu tisu, in vesti di pustinu,

li scali acchiani tuttu incravattatu.

Sbambau lu focu un picculu cirini!

 

 

        

            A frati D'Addea, omu di fedi

 

  O frati D'Addea, pecura di Diu,

la sula fedi cafuddata in pettu

'un abbasta nta stu munnu bruttu e riu!

Ch'importa cridiri, si poi non mettu

 l'amuri e la bontà di l'omu piu

nta vita d'ogni jornu e lu rispettu

non portu a tuttu quantu nun é miu?

Pensu ch'é giustu lu campari rettu,

  senza sfurzari u ciriveddu in cosi

c'hannu impurtanza si, ma relativa.

Pensu ca Diu sulu l'amuri vosi!

  Murennu in cruci, certu nun ambiva

porri liti ca dopu l'omu posi

supra santi, madonni e fedi viva.

 

  

 

         Supra la morti di Guttusu

  

    Pari lu celu 'n-nivuru dammusu.

Purtatu a spadda passa lu tabbutu.

Dda d'intra immurtalatu porta chiusu

'n-cadaviri di 'n-omu canusciutu.

    Dici la genti ca muriu Guttusu,

u pitturi chiù granni ca m'avutu

e mentri c'é cu chiangi ed é cunfusu,

c'é cu si frica i manu beddu mutu.

    Vali chiù assai lu quadru ch'é sarbatu

si mori cu l'ha fattu ed é famusu.

Cu pensa ca l'aspettu di ssu latu

    é veramenti bruttu e purcariusu,

a mia mi pari ca 'un ha valutatu

ca pinsava accussì puru Guttusu.

 

  

         

            Na bannera

 

La vidu all'orizzonti

e di luntanu

a furma di bannera,

tutta vunchiata

ca vola cu lu ventu.

'N-vessillu stranu

ca non capisciu ancora,

sfasatu e senza sensu,

ca curri avanti,

arreri torna

e furria tornu tornu;

s'apprisenta triunfanti

s'acclissa alleggiu alleggiu,

ricumpari acculuratu

comu l'arcubalenu,

scumpari nta lu celu

e vuci, murmurii,

cummenti smurzicati,

torci addumati

e cori tagghiuliati

lassa d'arreri,

mentri nta l'aria

tuttu d'attornu

ciauru si senti

ca sfuma cu lu ventu.

 

  

 

           Li novi Don Chisciotti

 

    C'era na vota 'n-certu Don Chisciotti

ca si fissò di fari u cavaleri

e, scanciannu lu jornu cu la notti,

minchiati s'invintava comu veri.

    La testa aveva sempri a fari lotti

e ci spirciava sempri lu pinseri

di fari grossi imprisi cu li botti,

ma cumminava imbrogghi peri peri.

    Si morsi Don Chisciotti, nun pinsati

ca testi nun avemu tali e quali

nte nostri tempi, amici, tra li strati!

    C'é sempri cu ripisca nto rinali

la merda di qualcunu e li pisciati,

scanciannuli pi cosi originali.

     

 

 

       Quantu cosi haiu vistu!

 

  Haiu vistu pisci risaliri ciumi,

haiu vistu l'acqua addivintari fangu,

lu pani petra e li faleni lumi,

abballari mazurchi comu tangu,

  diri ch'é bonu lu fetu di biccumi,

mettiri in galera òmini di rangu,

viniri a galla strunza e picurumi,

accattuni, balordi e suca-sangu....

  Ma chiddu ca 'un aveva ancora vistu,

nta stu munnazzu chinu di cuntrasti,

é chiddu ca nta stu mumentu assistu:

  'nmenzu a buttani, porci e pederasti,

d'unni mi votu e giru e terra pistu,

pigghiaru forza e sopravventu i crasti!

 

 

 

          A gnuranza

 

  Quattru sunu li tipi di gnuranza.

La prima é numinata generali

Pi’ sulu fattu ca nun havi eguali.

Di chissa veramenti Diu ni scanza!

  Chidda ca dopu c'é in secunna istanza

idraulica é chiamata o statu attuali;

la terza agresti e l'ultima sessuali.

Diversa ognuna porta pitulanza.

  Cu ci havi a prima nun capisci nenti,

cu la secunna teni nun capisci

'n-tubu e la terza a nuddu ci cunsenti

  canuscenza di 'n-cavulu ca crisci.

Da quarta tu l'immagini apprisenti,

vistu ca....mancu 'n-cazzu recepisci!

 

 

  

               Adulazioni

 

     Passu ondeggianti, vucca ridenti,

a cu ti guarda sempri duci appari.

Quannu cuntenta avanzi tra la genti,

chi festa granni vidirti arrivari!

    Na bannera é lu pettu prirumpenti,

dui laghi sunu l'occhi pi’ natari,

dui petali li labbra risulenti,

duci munti li cianchi a degradari.

    Ma tu piaci davveru e sopratuttu,

oltri pi’ l'aspettu e l'autri cosi,

pirchì cu ti parravu 'n-pocu incuttu,

    si n'accorsi ca la natura posi,

'nsemi a ducizza di pinseri, tuttu

quantu di bonu Diu nto munnu vosi.

 

 

 

 

                In morti di Claudiu Villa

 

La morti sona,                          Cantannu sempri

ma la vuci d'oru                        a la manera antica

da vucca tunna                          granni ti parsi

ca ricordu ancora                      sempri la to vuci

e re ti vosi                                 e 'un ammittevi

nta stu munnu a coru                ca lu tempu scica

chiù 'un nesci fora.                    e ti riduci

Supra la motu                           fama, valuri,

tu ruspanti e vivu,                     forza e giuvinizza.

misu a cavaddu                          O Claudiu Villa,

comu 'n-cavaleri,                       re di li canturi,      

chiù non cumpari,                      vicchiania voli

ca tu resti privu                          c'a vuci s'appizza,

d'ogni pinseri.                             perdi caluri,

Maritu arzillu                             comu del restu

di picciotta e vecchiu,                tutta quanta a vita.

sempri cantannu                         Ma tu cantavi,

cu tunanti vuci,                          trabaccavi spissu,

d'arduri novu                              currevi intornu

lucenti specchiu,                         comu taddarita,

lu cori in cruci                            e fu l'abissu,

mittisti surdu                              ca morti certa                          

all'annusu pisu,                          ti vincivu tostu.

senza badari                               Si lu ricordu

ch'essiri 'un putevi                     di lu to cantari

comu na vota,                            non pò muriri,

puru siddu tisu                           grossu fu lu costu

ti mantinevi.                               pi troppu fari.   

 

 

 

              Dimmi cu fu?....

 

    Dimmi cu fu, ca detti sta pussanza

a tia, cumpagnu, ca di modda-canni

lu nomu porti, ma na dura panza

ammustrasti d'aviri e puru granni?!

    Cu ti misi nte manu ssa vilanza,

ssu cuteddu, ca d'ossa canni e panni

fa stragi intera sempri in sichitanza?

Addivintasti capu di malanni!

    Quann'eramu carusi, nun mi pari

ca fusti accussì tintu e cammurriusu.

Avevi 'n-autru tonu, 'n-autru fari!

    Nun vidi ca lu munnu a lu pirtusu

ti scurri in chinu? Si nun lassi stari

ci accampi sulu fama di.... fitusu!

 

 

  

              A na prisintuusa

  

    Quannu ti vitti pi’ la prima vota,

bedda inquartata nta dda gonna stritta,

cu gran massa di capiddi sciota

supra li spaddi, misa ritta ritta

    comu un pavuni ca faceva a rota,

m'arrusbigghiasti tutti li pititta.

Ma si natura in verità ti dota,

non pozzu diri ca ti vinni ascritta

    na granni intellligenza e mancu tanta

elevazioni. Chiddu ca ti crisci

in minni, culu e natichi sbacanta

   lu ciriveddu ca ni deperisci.

E poi quannu la fimmina si vanta

é sulu  na jaddina ca garrisci.

 

 

 

                    U tavulinu novu

 

- O tavulinu,

 tavulinu novu,

 accussì longu

cu ti vosi ddocu?

- A serviziu di 'n Enti

ca m'attrovu.

Supr'e me spaddi

scienza pigghia focu.

Di pruvulazzu prestu

sugnu covu.

 

 

 

              Li Corvi

 

   Campiuni di lu malannu,

immiruti ed abbummati,

supra di li fila stannu

li curvacchi impiddicati.

   La figura digna fannu,

nta lu nivuru ammantati,

di li genti ca non sannu

nte sacchetti chi purtati,

    ma cu l'occhiu torvu scrutanu

lu tirrenu suttastanti

e d'impruvvisu tummanu

   comu celibri furfanti.

Accussì taluni arraffanu

comu corvi e.... sunu tanti!

 

 

             A lu voi

 

  Ti vogghiu beni e stimu, caru Voi,

e sentu ca pi’ tia lu cori squagghia.

  Simili a li Dei, simili all'eroi,

pi’ natura si’ bestia ca travagghia.

  Latti, furmaggiu e carni duni poi;

pi’ mangiari t'abbasta sulu pagghia.

  Sugnu cummossu ma ...su' cazzi toi!

 

  

 

         Signurinedda a la moda

 

   A suli quattru jta

di lu viddicu appisa

allammicata scinni

la picciula faretta,

ca la tratteni appena

la natica purputa.....,

c'appari smutannata,

pirchì 'un si vidi striscia

e mancu cusitura

di roba ca traspari.

Chiù supra a davanzali

li minni arricugghiuti

a stentu li susteni,

fissatu cu 'na nocca,

na speci 'i capizzali,

ch'é puru trasparenti.

Capiddi sciddicati

calati a funtanedda

davanti e pi’ d'arreri

cumpletanu l'arredu

assemi a na rusidda

ca vidu disignata

accantu a lu viddicu.

Minni, viddicu e cosci

mustrati pi’ bannera

e natichi vilati

ca parunu panuzzi

s'annacanu pi’ strata

ca pari la sfilata

de "signurini"in mustra

nta li casini antichi,

ca chiusiru battenti

pi’ troppa libirtati.