Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Itinerari turistici delle città siciliane

ENNA

 

Visitare Enna in un giorno


Le principali attrazioni di Enna durante una passeggiata in città


Enna, il capoluogo dell’omonima provincia, gode di un’incantevole posizione su un crinale della montagna. L’ubicazione esposta e le piccole dimensioni della città ne fanno una meta ideale per una breve gita. La cittadina non offre molte attrazioni di fama mondiale, ma grazie alle viste panoramiche una passeggiata attraverso il centro storico non rimarrà dimenticata. Oltre ai panorami, vi consigliamo in primo luogo di visitare la Cattedrale ed il Castello di Lombardia, uno dei più grandi castelli in Sicilia.


Visitare il centro storico di Enna in un giorno


La cittadina di Enna può essere visitata con tutta calma facendo una piccola passeggiata attraverso il centro storico. A seconda della vostra voglia ‘esplorativa’ tenete conto che per una piccola passeggiata nella città di Enna impiegherete da due a tre ore.


Il nostro piccolo tour nella città di Enna inizia in Piazza Vittorio Emanuele. Qui vi consigliamo di fare una scappatina in Piazza F. Crispi, per godervi il panorama di Calascibetta.


Ora proseguiamo per Via Roma, passando davanti alla Chiesa di San Benedetto ed il palazzo Pollicarini fino ad arrivare al Duomo.


Chi ha voglia di trascorrere più tempo in Piazza Mazzini intorno alla Cattedrale, può visitare il Museo Alessi o il museo archeologico.


Proseguendo lungo Via Roma arriverete infine al Castello di Lombardia, uno dei castelli più grandi e belli della Sicilia. Qui vale la pena di salire i 95 gradini fino alla piattaforma della Torre Pisana per godersi la stupenda vista panoramica.

Anche dalla Rocca di Cerere avrete una vista mozzafiato sulle colline circostanti.


Ancora voglia di visitare? Allora, proseguite il tour fino alla Torre di Federico II. Altrimenti tornate in Piazza Vittorio Emanuele e prendetevi un caffè in Piazza F. Crispi.



___________________________________________________________________


Enna, l'ombelico della Sicilia



Minitour per la città - 


     La città di Enna è divisa in due aree Enna alta ed Enna bassa.

     La prima sorge su un monte tra i 940 e i 970 metri d'altitudine ed ha la forma di una freccia triangolare, caratterizzata dalla presenza del magnifico Castello di Lombardia, così chiamato perchè qui erano stanziate truppe lombarde. Il nucleo originario del maniero risale al periodo sicano mentre la struttura odierna presenta numerose caratteristiche normanne ed arabe. In età sveva l'architetto Riccardo da Lentini lo ristrutturò innalzando 20 bellissime torri per rafforzare gli imponenti muraglioni stretti attorno agli atri residenziali. In questo periodo il castello fu considerato uno dei più inespugnabili d'Italia e, qui per due volte, fu riunito il Parlamento del regno svevo. Il declino iniziò con l'avvento dei Borboni che lo trasformarono in un carcere di massima sicurezza dal quale era impossibile evadere.


     All'interno vi sono vari cortili: il Piazzale delle Armi, oggi sede di un grande teatro all'aperto che prende il nome di Teatro delle Stelle, il Piazzale delle Vettovaglie e il Piazzale di San Martino, dove si trova la Torre Pisana, unica torre rimasta integra. Dall'alto della torre si gode di uno dei più estesi panorami dell'intera Sicilia, con la sagoma dell'Etna sullo sfondo. Ai piedi del castello una statua ricorda il coraggioso schiavo siriano Euno che nel 135 a.C. guidò la rivolta servile che i romani riuscirono a domare soltanto dopo tre anni. Un'altro monumento rappresentativo di Enna è la Torre di Federico II, che secondo la tradizione fu opera di Riccardo da Lentini e residenza estiva dell'imperatore svevo. Fu edificata intorno alla metà del XIII secolo, ha forma ottagonale, ed insieme al castello rappresenta una delle vedette della città. A collegarli una galleria scavata nella roccia sotto la città che, avendo ingresso al castello, sbuca proprio sul dosso sul quale si eleva la torre.


Foto di Bricke (www.flickr.com) Le Chiese - Enna è una città ricca di chiese e conventi, ereditati dal suo lungo passato di dominazione spagnola e borbonica. Nel '700 Castrogiovanni, come si chiamava allora, possedeva ben 133 chiese, mentre oggi ne sopravvivono circa 35. Lasciandosi alle spalle il castello e immettendosi in Via Roma, il centro storico medioevale della città, ci si imbatte nella Chiesa di San Francesco Di Paola del 1601 che ospita un dipinto ad olio di autore ignoto raffigurante la 'Presentazione al tempio', una statua in marmo della Madonna di Loreto ed un busto di San Francesco di Paola del Gagini.


Unaltro monumento da non perdere è la Chiesa Madre di Enna dedicato a Maria SS. della Visitazione che si affaccia su Piazza Mazzini. Eretta nel 1307 sulle rovine del Tempio di Proserpina e ricostruita in seguito ad un incendio nel XVI secolo,  presenta una facciata maestosa, con una lunga gradinata e un portico a tre portali cinto da 6 colonne. Notevole è la Porta del Giubileo, oggi murata, sul fianco destro, che rappresenta un ottimo esempio di gotico siciliano, con 6 colonne coronate da capitelli decorati e un bellissimo arco sovrastato dalla statua della Madonna con Gesù Bambino.


Una delle più antiche chiese della città è invece quella di San Salvatore (Via Salvatore, 24), edificata nel 1261, cui un tempo era annesso un monastero dei monaci basiliani di cui oggi rimangono solo i pilastri. In Piazza Mazzini si trova inoltre, la Chiesa di San Michele Arcangelo, un ex moschea araba, la cui facciata è in stile coloniale spagnolo. Belle anche la Chiesa di Maria SS. Di Valverdeche fino al 1412  fu dedicata all'allora patrona di Enna, la Chiesa di Santa Chiara,quella di Sant'Agostino, eretta nella seconda metà del XVIII sec., che custodisce una grande tela rappresentante l'Adorazione dei Magi di Pietro D'Asaro ed una Madonna con il Bambino, in marmo, della bottega del Gagini. Da non perdere la Chiesa di San Giuseppe edificata nel 1400, che custodisce un paliotto argenteo del 1700 nell'altare maggiore, la Chiesa di Maria SS. Addolorata (Via Reepentite), iniziata da un bottegaio nel XVII sec. il cui campanile in stile arabo è ricoperto da mattoni di ceramica e quella di San Giovanni (San Domenico) che custodisce due opere pittoriche del 1595 dello Zoppo di Gangi e il fonte battesimale la cui base è di epoca romana. All'esterno della chiesa ancora perfettamente funzionante una meridiana del 1742.

Altre Chiese da non trascurare sono quella di San Francesco D'Assisi dei Conventuali in Piazza Vittorio Emanuele, costruita nel sec. XIV, la Chiesa di San Cataldo in Via Kamuth risalente alla metà del XVIII secolo, la Chiesa di Santa Maria del Popolo in Via Vittorio Emanuele costruita nel periodo antecedente al 1600, la Chiesa di San Tommaso in Piazza F.sco Paolo Neglia con una una torre campanaria di stile gotico-catalano, la Chiesa delle Anime Sante del 1616 con un'unica navata in stile barocco e gli splendidi soffitti affrescati dal pittore fiammingo Guglielmo Borremans. Interessante anche la Chiesa di Maria SS. del Carmelo, in Piazza Giovanni XXIII, distrutta nell'859 e ricostruita nel 1300, il cui campanile era un'antica torre del castello di Santa Maria. In questa torre si ritirò la famiglia di Giovanni Racchetta, il leggendario frate Elia che, fatto prigioniero dagli africani, era stato riscattato da un mercante cristiano per le sue conoscenze mediche. Particolare ilSantuario del Santissimo Crocifisso in Via Santuario di Papardura, costruito intorno alla grotta in cui, nel 1659, fu ritrovata un'immagine del crocifisso dipinta su lastra di pietra cui sono legati alcuni eventi miracolosi. Una delle più antiche chiese di Enna è la quella di Santa Maria La Donna Nuova, in Via degli Astronauti,  la cui costruzione risale all'inizio del XII secolo. Da non trascurare inoltre la Chiesa Mater Ecclesiae in Piazza Kolbe, la Chiesa di San Leonardo in via Olona, la Chiesa di San Sebastiano in Viale IV Novembre, la Chiesa dello Spirito Santo in Via Spirito Santo, la Chiesa di San Leone in Via San Leone, la Chiesa di San Biagio in Via Rinascita, la Chiesa di San Pietro in Via San Pietro, la Chiesa di Santa Teresa in Piazza Bovio.