Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

_________________________________________________________________ 

 

Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia.

Uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia.

 

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.

Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

 

 

A ucca è quantu n’aneddu, si mangia turri, palazzi e casteddu.
(La bocca e quanto un'anello, ma si mangia torri, palazzi e castelli)

 

Amuri nun senti cunsigghi.
(Amore non sente consigli)

 

A pignata vaddata non vugghi mai.

La pentola guardata non bolle mai

 

Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su` tri peni di muriri.

Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

 

Attacca lu sceccu unni voli u patruni

Lega l'asino dove vuole il padrone.

 

Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu.
(Buon tempo e brutto tempo non durano sempre)

 

Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l'amici.
(Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici)

 

Ccu amici e ccuparenti, 'un accattari e 'un vinniri nienti.
(Con gli amici e con i parenti, non comprare e non vendere niente)

 

Cu' è picciottu è riccu.

Chi è giovane è ricco

 

Chiddu ca fa p`i mo denti non fa p`i me parenti.

Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.

 

Cu avi lingua arriva a Roma
(Chi ha lingua arriva a Roma)

 

Cu bonu simina, megghiu arricogghi.
(Chi bene semina, meglio raccoglie)

 

Cu campa pava e cu mori è cunnutu.
(Chi vive paga, e chi muore "giace")

 

Cu campa vecchiu si fa’.
(Chi vive diventa vecchio)

 

Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s'attrova.
(Chi lascia la vecchia per la nuova si troverà male.)  

 

Cu mancia fa muddichi.

Chi mangia fa briciole.

 

Cu mania non pinia.
(Chi ha le mani in pasta sta bene)

 

Cu n'arrisica na' arrussica
(Chi non risica non rosica)

 

Cu' nesci, arrinesci.
(Chi esce, riesce)

 

Cu non fa nenti non sbagghia nenti.

Solo chi non fa niente non commette errori

 

Cu pava prima, mangia pisci fitusu.

(Chi paga prima, mangia pesce marcio)

 

Cu prima nun pensa all'uttimu suspira.
(Chi non pensa prima di agire, alla fine non gli resta che sospirare.)
(Proposto da Mario
Iurzan)

 

Cu spatti avi a megghiu parti.
(Chi divide ha la parte migliore)

 

Cu sputa 'ncelu 'nfacci ci tonna.
(Chi sputa - bestemmia - in cielo, in faccia ci ritorna)

 

Cu voli u spassu s'accatta a signa.
(Chi vuole un passatempo si compra la scimmia)

 

Cui scippa vigna, e chianta vigna, mai vinnigna.
(Chi toglie la vigna, e ripianta vigna, mai raccoglie)

 

Cu nesci arrinesci

Chi si allontana dal suo ambiente viene a trovarsi in una condizione migliore.

 

Di marti nè si spusa nè si parti.

(Di martedì né si sposa né si parte)

 

Di `na rosa nasci `na spina. Di `na spina nasci `na rosa.

Da una rosa nasce una spina, da una spina nasce una rosa.

 

Dui su` i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti.

Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

 

Dura chiù na quartara ciaccata ca una sana

 

Fa' beni e scordatillu, fà mali e pensaci.

(Fai bene e dimenticalo, fai male e pensaci)

 

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
(Donna barbuta, neanche di lontano si saluta)

 

Fimmina pilusa bona vinturusa
(Donna pelosa è fortunata)

 

Geniu fa biddizza.
(Intelligenza fa bellezza)

 

Iunciti cu li megghiu e facci a spisa pà via

Frequenta le persone migliori anche se ciò comporta qualche sacrificio.

 

La donna, lu ventu e la vintura pocu dura.

La donna, il vento e la sorte poco durano

 

L’omu di mala cuscenza, comu opira a cussi’ penza.
L'uomo di cattiva coscienza, come agisce così pensa)

 

La matinata fa la jurnata.
(La mattinata fa la giornata)

 

L'Amuri è musuratu, cu lu porta, l'havi purtatu.
(L'amore è misurato, chi lo porta, lo riavrà indietro)

 

La bona fimmina fa la casa, la pazza la sdirrubba

La  donna buona fa la casa, la pazza la distrugge

 

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.
(I guai della pentola li conosce il cucchiaio)

 

Lingua bona, bona l'arma.
(Lingua buona, buonal'anima)

 

L'omu è lu focu, e la donna è la stuppa; lu diavulu veni e ciuscia.
(L'uomo è il fuoco, la donna è la stoppa, il diavolo viene e ci soffia)

 

Lu gilusu mori curnutu.
(Il geloso muore cornuto)

 

Lu sazio nun cridi a lu dijunu.
(Chi è sazio non crede al digiuno)

 

Malidittu u mummuriaturi, ma chiù assai cu si fa’ mummuriari.
(Maledetto chi sparla, ma di più chi si fa sparlare)

 

Megghiu l’ovu oggi ca a iaddina dumani.
(Meglio l'uovo oggi che la gallina domani)

 

Mercuri intra e simana fora.
(Mercoledì dentro e settimana fuori)

 

Munti cù munti non s`incontrunu mai

I monti non s'incontrano mai con altri monti

 

Natali o suli e Pasqua o tizzuni tannu è a vera staggiuni.
(Natale al sole e Pasqua al freddo, allora è la vera stagione)

 

Non ci aiu mancu sali di salera.
(Non ho neanche il sale della saliera)

 

Non ci aiu unni cadiri e muriri.
(Non ho dove cadere e morire)

 

Nuddu si pigghia si non si rassumigghia.

Le persone si scelgono perchè si somigliano.

 

Nun prumettiri e santi diuna né e carusi cudduruna.
Non promettere ai santi digiuni e ai ragazzi focacce. 

 

Non sempri arriri a muggheri do latru
(Non sempre ride la moglie del ladro)

 

Nun c'è sabitu senza suli e nun c'è fimmina senza amuri.
(Non c'è sabato senza sole e non c'è donna senza amore)

 

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.
(Non lodare la giornata se non è passata la serata)

 

O ti manci sta minestra o ti abbi da finestra.
(O mangi questa minestra o ti butti dalla finestra)

 

Occhiu ca non viri, cori ca non doli.
(Occhio che non vede, cuore che non duole)

 

Ogni cani è liuni na sò casa.

Ogni cane nelle sua casa si sente un leone.

 

Orbu pi non viriri e suddu pi non sentiri

 

Prima 'i parari mastica i paroli

Prima di parlare mastica le parole.

 

U bonu no vali cchiù di nu tintu sì.

Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente.

 

Quannu la furtuna vota ogni amicu s'alluntana

Quando la fortuna volta le spalle tutti gli amici si allontanano.

 

Quannu l'amuri voli, trova locu.
(Quando l'amore vuole, trova come fare)

 

Quannu la lingua voli parrari, prima a lu cori a dumannari.

Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

 

Quannu lu jardinu e siccu, s'abbivira.
(Quando il giardino e arido, si innaffia)

 

Quannu u diavulu t`alliscia voli l`arma.

Quando il diavolo ti adula vuole l`anima.

 

Quannu ‘u piru è fattu casca sulu.

Quando la pera é matura cade da sola.
(Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.)

 

S’arricchisci cco bono bonè, s’impoverisci cco chistu cchiè.
(Si arricchisce accontentandosi "buono com'è", si impoverisce con la curiosità "questo cos'è")

 

Scàcciti juncu ca passa la china.
(
Piegati giunco perché passa la piena.)

 

Servu d`autru si fa cu dici i sigretu ca sapi.

Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.

 

Si a ogni cani c'abbaia ci tiri `na petra non t`arrestunu vrazza

Se vuoi tirare una pietra ad ogni cane che abbaia le tue braccia non ce la faranno.

 

Simina ventu e ricoghi timpesta

(Semina vento e raccoglie tempesta)

 

Si pi paura di corvi `n si semina linusa, non putissimu aviri la cammisa.

Se per paura dei corvi non si semina il lino, non potremmo avere la camicia.

 

Spenni picca e arricchirai, para picca e `nzirtirai, mancia picca e campirai.

Spendi poco e diventerai ricco, parla poco e sarà la scelta migliore,mangia poco e vivrai a lungo.

 

Tali matri, tali fighia, va 'bbiassi 'nta larigghia

(Tale madre, tale figlia, vi butterei nella graticola)

 

Tali nasu tali fusu.
(Tale naso tale pene)

 

Tali patri tali figghiu.
(Tale padre tale figlio)

 

Teniri na vipera intra la manica.
(Allevare una serpe in seno)

 

Triulu 'nsigna a chianciri.
(La sofferenza insegna o piangere)

 

Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari
(Ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea)

 

U lupu di mala cuscenza comu opera accussì penza.

Il lupo disonesto pensa degli altri ciò che potrebbe fare lui.

 

U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.

Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve.

 

 

U venniri è di natura, comu agghiorna accussì scura.
(Il venerdì è di natura, come fa giorno, così muore)

 

Uomu di panza uomu di sustanza.
(Uomo di pancia, uomo di sostanza)

 

Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si ddisia.

Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato.

 

 

________________________________________________

 

 

Si voi a to maritu mortu, dacci cavuli ‘nt’Austu
(se vuoi vedere tuo marito morto cucinagli cavoli ad Agosto)

 

Pani e vinu rinforza ‘u schino 
(pane e vino rinforzano la schiena)

 

Furmaggiu, pira e pani, non è cibu di viddani 
( formaggio pere e pane sono cibo di contadini )

 

Lu bonu vinu, fa bonu sangu

( buon vino fa buon sangue)

 

Trigghi, sardi e masculini di Jnnaru e opi di Marzu 
( triglie, sarde ed alici a Gennaio ope a Marzo )

 

Lu cafè santiannu e u ciucculatu ripusannu
( il caffe caldissimo la cioccolata riposata )

 

Metti lu pani a li denti ca la fami si senti 
( metti il pane fra i denti che la fame si sente )

 

Risu, m’accalu e non mi isu 
( il riso considerato poco energetico fa abbassare ma non ti da la forza di rialzarti )

 

Vinu vecchiu e ogghiu novu
( consuma vino invecchiato ed olio nuovo )

 

Cu mangia vavalaggi caca corna e cu mangia carrubbi caca ligna

 ( tutto dipende dalla qualità della materia prima che si usa )

 

Lassa chi mangiari e non chi fari 
( lascia da mangiare ma mai ciò che devi fare )

 

Quannu c’è broru assai minuzza pani, accussi si fannu li scialati boni 
( a tanto brodo aggiungi pane e ti sazierai )

 

Falla comu la voi sempri è cocuzza
( Cucinala come vuoi sempre zucca rimane )

 

Diu manna ‘u viscottu a cu non havi denti 
( Dio è generoso con chi non può usufruirne )

 

Di lu voscu ‘na bedda faciana, di lu mari ‘na bella murina, di lu ciumi ‘n’ancidda di tana, di la jiaggia ‘na bedda jiaddina 
( da ogni zona la sua preda: dal bosco un fagiano, dal mare una murena, dal fiume un anguilla e dal pollaio una gallina )

 

A tavula ci voli facci di monicu 
( a tavola ci vuole faccia da monaco ossia mai vergogna )

 

Tri sonu li boni muccuni: ficu, pessica e muluni 
( tre sono i buoni bocconi: fichi, pesche e meloni )

 

 


Bai hannu a esseri li cavaddi, li scecchi surci e li muli mureddi 
( rossi devono essere i cavalli, grigi gli asini e i muli marroni )

 

Cani ca abbaia assai, muzzica pocu
( cane che abbia non morde )

 

Dissi lu surci a la nuci, dammi tempu ca ti perciò 
( disse il topo alla noce dammi tempo che ti buco)

 

Cavaddu di carrettu pocu dura 
( cavallo che tira il carro presto muore )

 

Mulu di jurnata e cavaddu d’arrancata
( mulo per il quotidiano e cavallo per lunghi tratti )

 

Rispetta lu cani pi rispettu a lu patroni 
( se rispetti il cane rispetti di riflesso il padrone )

 

Un mastru e un cavaddu consunu ‘na casa
( un esperto nel proprio mestiere e un cavallo arricchiscono una famiglia )

 

Cu voli ‘u spassu, s’accatta ‘ a signa
( se vuoi un passatempo comprati una scimmia )

 

Cu di sceccu ni fa un mulu, ‘u primu cauci è ‘u so 
( chi si dedica a far progredire una persona sarà poi da questa spesso rifiutato ed anche disprezzato )

 

‘ A jatta priscialora, fa i figgi orbi 
( la gatta frettolosa partorì gattini ciechi )

 

Quannu ‘ u sceccu non voli viviri, è inutili ca ci frischi
( quando una persona non vuole fare una cosa è unitile allettarlo a fare ciò che non vuole )

 

Attacca ‘ u sceccu unni voli u patroni 
( nel fare il lavoro deve rimanere soddisfatto il committente)

 

‘ A iaddina ca camina, s’arritira ca vozza china
( chi è operoso e si da da fare torna con un guadagno a casa)

 

Dissi lu surci all’autru surci; cui ci attacca sta ciancianedda a jatta
( stabilito che mettendo un sonaglio al gatto ne avrebbero sentito l’arrivo, non si trova il volontario )

 

Non mettiri puddicini ‘o suli 
( non prendere iniziative avventate, si sa che i pulcini al sole

possono morire )

 

Si stassi all’asinu a jiri a lu mulinu pani non manciria lu corpu umanu
( se aspetti che qualcuno faccia il lavoro senza sprono stai fresco )

 

Voi chi non va all’aratru e vacca ciunca solinu spissu muriri alla chianca
( bue che non tira aratro e mucca zoppa muoiono in macelleria e non di vecchiaia )

 

 


Non manca mai a li vecchi chi cuntari, quannu stanu a lu suli o a lu fuculari
( gli anziani riuniti sotto il sole o attorno al focolare hanno sempre cose da raccontare )

 

Cu li vecchi non c’è guadagnu. S’appizza lu ramu, lu chiummu e lu stagnu 
( con gli anziani non si guadagna mai anzi ci si rimette tutto )

 

Dopu a quarantina, un mali ogni matina 
( superati i 40 anni un male ad ogni nuovo giorno )

 

Lu pisu di l’anni, è lu pisu cchiù granni 
( il peso degli anni è il peso più gravoso da portare )

 

Lu giuvini può muriri, ma lu vecchiu non può campari
(si può morire da giovani ma è certo che un vecchio non può vivere in eterno )

 

Si lu giuvini vulissi e lu vecchiu putissi, non ci saria cosa ca non si facissi 
( Se i giovani avessero voglia e gli anziani avessero la forza tutto si farebbe )

 

Asini e picciriddi Diu l’aiuta
( asini e bambini sono da Dio aiutati )

 

Cu’ è picciuteddu non è puureddu 
( la giovinezza è una ricchezza )

 

Cu’ sa spassa quannu è picciottu, chianci quannu è vecchiu 
( chi troppo gozzoviglia d giovane ne paga le conseguenze da anziano )

 

Cu’ non senti li cchiù granni, appenni li vettuli a mali banni
( chi non ascolta i consigli dei più anziani appenda la propria bisaccia in posti sbagliati )

 

L’omu a cinquantenni o è papa o è varvaianni
( l’uomo a 50 anni ho è sistemato altrimenti non lo sarà mai )

 

A testa ianca, spissu lu sennu manca 
( capita che nonostante si abbiano i capelli bianchi non si sia ancora maturi )

 

 


Cu paga ‘u pisci avanti su mangia fitenti 
( chi paga il pesce prima di vederlo lo mangia di cattiva qualità )

 

U malu pavaturi s’assuggetta ad ogni pattu 
( chi non vuole pagare accetta qualsiasi compromesso )

 

Cu amici e cu parenti non accattari e non vinniri nenti 
( non intavolare affari fra amici e parenti )

 

Dissi lu priuri a l’abbadissa, senza dinari non si canta missa 
( disse il priore alal madre badessa senza soldi non si recita messa )

 

Nuddu fa nenti pi nenti
( nessuno fa qualcosa senza il proprio tornaconto )

 

Siggiri prestamenti, pagari tardamente, se mai qualche accidenti, non si pava nenti
( incassare velocemente, pagare con comodo, perché se capita qualche inconveniente non si paga niente)

 

Cu havi putia avi a fari facci a tutti 
( chi gestisce un esercizio deve saper trattare bene tutti i clienti )

 

Si tu non fili non tessi e non ‘ncanni, d’unni ti vinni stu ghiommuru ranni? 
( se non hai lavorato come hai ottenuto tutte queste ricchezze “gomitolo grande” )

 

Cu fa credenza senza aviri pignu perdi la roba l’amicu e lu ‘ngegnu
( chi presta senza avere un pegno perde sia il prestito che l’amico )

 

Ad omu malu e a donna senza onuri dacci sempri lu so, l’assili iri 
( ad uomo cattivo e a donna di facili costumi trattali nel giusto modo lasciali perdere )

 

Chiacchiri e tabaccheri di lignu lu munti dici no, non ‘nni ‘ mpignu
( il monte di pietà non fa prestiti su pegni senza valore )

 

Cui ti accarezza cchiù di quantu soli o t’ha ‘ngannatu o ngannari ti voli 

 ( di solito chi ti tratta meglio del solito o ti ha ingannato o ti vuole ingannare )

 

Fimmina ca t’abbrazza e stringi o t’ha tingiutu o cerca mi ti tingi 
( donna che ti abbraccia e stringe o ti ha fatto cambiar colore per la rabbia o cerca di farti arrossire )

 

Morsi credenza, lu malu pavaturi l’ammazzau 
( per colpa dei cattivi pagatori è morto il prestito )

 

Cappa di povr’omu non pigghiari ca ti duna e poi la voli arreri 
( se un poveraccio ti concede un prestito subito lo rivuole indietro per i suoi bisogni )

 

Un pugnu d’oru scassa ‘na porta di ferru
( nonostante la porta di ferro sia inattaccabile la corruzione con l’oro la apre )

 

Amaru a cù havi i rannuli ‘nta vigna 
( guai per chi ha avuto grandine nella vigna )

 

Sarba a pezza, ca veni ‘u purtusu
( conserva il ricambio per il momento giusto )

 

Cu nnappi nnappi, di cassati di Pasqua 
( chi ha avuto ha avuto ormai le feste sono finite e cassate non c’è ne sono più )

 

A vutti china e a mugghieri ‘mbriaca 
( volere sia la botte piena che la moglie ubriaca )

 

Lu bonu pannu finu a la pezza e lu bonu vinu finu a la fezza 
( le cose di qualità si conservano tali sino all’ultimo )

 

A pignata ‘ncomuni, non vugghi mai 
( la pentola in comune non bolle mai )

 

Desidera beni a lu to vicinu, ca qualchi ciauru ti ni veni 
( se auguri bene al tuo vicino, ne potrebbe venire qualche bene anche a Te )

 

I dinari fannu veniri a vista a l’orbi
( i soldi ridanno la vista ai ciechi )

 

Cu leva u pani o nutaru u leva e so figgi
( chi non acquista beni immobili non assicura un futuro ai suoi figli )

 

Cu mania non disia 
( chi possiede non desidera )

 

Ognunu di l’arti so, ni campa scarsu
( nonsempre con il proprio mestiere si vive agiatamente )

 

Ognunu tira bracia o so cudduruni 
( ognuno accosta la brace al proprio pane per farlo cuocere )

 

Binidica e binidicemu, cchiù picca semu e megghiu na passami
( nonostante le benedizioni talvolta meno si è e meglio si sta )

 

Voi ‘mparari a mpuvuriri, pigghia omini e non ci iri 
( se vuoi diventar povero ingaggia lavoratori e non li seguire )

 

Accatta e pentiti
( compra e pentiti, tanto il bene rimane e dopo non ti pentirai )

 

Accatta vigna di cui non n’ha chiantatu e accata casi di cui non n’ha fabbricatu 
( acquista case e vigneti ad chi non conosce i sacrifici sofferti per realizzarli )

 

Jurnata rutta perdila tutta 
( la giornata partita male prenditela di riposo )

 

Chiddu ca non s’è fattu tra mercuri e giovi, non si farà tra venniri e sabatu 
( quello che non è stato fatto fra Mercoledì e Giovedì difficilmente verrà fatto fra Venerdi e Sabato )

 

Aviri fudda e mala vinnita
( tanta gente in negozio ma nessuno che acquista )

 

Cu presta perda a testa e carzaratu va 
( chi presta qualcosa perde la testa per riaverla e rischia la galera )

 

Si i favuri fussiru boni si pristassiru li muggheri

 ( non sempre ciò che viene spacciato come trattamento di favore è realmente conveniente )

 

Li veri amici e li veri parenti, sunu li quattru tarì cu l’ali janchi 
( i veri amici e parenti sono i denari nella fattispecie tarì antica moneta da 45 centesimi )

 

Cu’ havi dinari campa filici e cu’ non ni havi perdi l’amici
( chi a i soldi vive felice chi ne è sprovvisto perde anche gli amici )

 

Cu picca havi caru teni 
( chi non ha molto tratta bene ciò che ha )

 

Cu campa drittu, campa afflittu 
( chi vive nell’onesta spesso vive mordendosi le mani )

 

Picca e nenti su parenti
( poco e niente sono parenti )

 

Lu galantomu ca ‘mpuvirisci addiventa birbanti 
( chi era ricco e diventa povero diventa furfante )

 

La giara si sgavita quannu è china, ca quannu è leggia si sgavita sula 
( se vuoi risparmiare devi farlo quando hai qualcosa, altrimenti la giara vuota si risparmia da se )

 

Casa quantu ci stai terra quantu ni vidi
( possiedi una casa di grandezza sufficiente per abitarci terreni a perdita d’occhio )

 

La casa capi quantu voli u patroni
( anche se la casa è piccola puoi ospitare chi vuoi )

 

Lu saziu non cridi a lu diunu

( chi è sazio non crede a chi è digiuno )

 

Megghiu un cattivu accordu ca ‘na bona sentenza 
( meglio un poco conveniente accordo fra i contendenti che ricorrere alla sentenza del giudice )

 

O ti mangi sta minestra, o ti jetti da finestra
( o ti mangi ciò che c’è o rimani morto di fame )

 

Unni è ‘ u pisu va a vilanza
( i pesi camminano con la bilancia )

 

Cu ha dinari assai sempri cunta e cu havi ‘ a muggheri bedda sempri canta 
( non sempre tanti denari rendono la vita allegra )

 

Cu rittu non fari pattu e cu u stortu non fari cuntrattu
( con la persona onesta non hai bisogno di fare patti in quanto adempirà ai suoi doveri, chi è scorretto non adempie neanche i contratti )

 

Chiddu ca è scrittu leggiri si voli 
( ciò che è scritto sempre può essere letto )

 

Carta mi canta ‘nto cannolu 
( ho un documento che parla da solo conservato nel “cannolu” tubo metallico antico ripostiglio )

 

Junciti cu i megghiu di tia e facci ‘a spisa pi la via 
( legati sempre a persone migliori di te a costo di pagargli il viaggio )

 

Risinu non inchi isterna 
( le piccole cose non risolvono grandi problemi, nel caso piccole gocce non riempiono la cisterna)

 

Pari cu paru e joca cu li toi 
( accompagnati sempre con le persone uguali a te vi capirete meglio )

 

Cu temi ciauli e non simina linu, si po’ chiamari veru tabaranu 
( chi non semina il lino per paura delle gazze e un vero sciocco )

 

Iri arreri comu ‘u curdaru 
( non andare mai indietro guarda sempre avanti )

 

Marititi, marititi ca abbenti, ti levi un pinseri e ti ni metti tanti 
( se credi che con il matrimonio ti togli un pensiero ricordati che ne metti cento )

 

Denti e dinari su forti di scippari

 ( provocano forte dolore le estrazioni di dente e le cessioni di denaro )

 

Me patri è cucciddatu e iu moru di fami 
( nonostante mio padre sia ricco io muoio di fame.Cucciddatu: forma di pane casereccio )

 

Quantu fa lu sgavitari fa cchiù d’u travagghiari
( alle volte il risparmio e più vantaggioso del lavoro )

 

Quant’è beddu diri no, resti amicu e a robba è ttò
( se sai dire di no resti amico e ti tieni la tua roba )

 

A sanaru sanareddu si fa lu palazzaddu 
( con i piccoli risparmi si costruisce un palazzo. Sanaru: antica moneta da 2 centesimi )

 

Fatti l’arti ca sai, ca si non arricchisci campirai 
( fai il tuo mestiere, fallo bene che se non diventi ricco vivi bene )

 

Cu’ azzappa, e azzappa ‘ a so vigna si bonu azzappa, bonu vinnigna 

 ( se lavori bene la tua vigna di sicurio ne avrai un buon raccolto )

 

A vucca è quantu n’aneddu si mangia turri, palazzu e casteddu 
( la bocca ha un piccolo diametro ma per golosità si può sprecare tutto ciò che possiedi )

 

 


Quannu è annuvulatu a la marina pigghiti ‘u saccu, và e macina; Quannu è annuvulatu a la montagna, pigghiti ‘a zappa, và e guadagna 
( se arrivano le nuvole dal mare non andare al lavoro pioverà, se arrivano nubi dalla montagna vai tranquillo non pioverà)

 

A quattru cosi non tiniri fidi: suli di ‘nvernu, nuvola di stati, amuri di donna e carità di frati 
( non tenere fede perché effimere a : sole d’inverno, nubi d’estate, l’amore di donna, e carità dai fratelli )

 

Celu picurinu, si non chiovi oggi chiovi a’ matinu 
( il cielo con nubi a pecorelle se non piove oggi piove domani )

 

Innaru è capu d’estati
( a Gennaio inizia l’estate )

 

Frivaru frivarittu, ogni jaddina fa ‘u so uvittuu 

( a febbraio le gallina incominciano a fare uova )

 

Marzu pazzu

( Marzo pazzo )

 

Lu bon tempu si vidi di prima matina
( la buona giornata si vede dl mattino )

 

Signuruzzu chiuviti chiuviti, ca l’arbuliddi su morti di siti e facitini una bona, senza lampi e senza trona 
(Dio fai piovere ma evita lampi e tuoni che gli alberi hanno sete )

 

Austu è capu di ‘nvernu
( Agosto inizio d’inverno )

 

Pi “tutti i santi” a nivi e canti canti 
( per la festa di tutti i Santi la neve nelle strade )

 

Dopu Natali ‘u friddu e ‘a fami
( dopo Natel freddo e fame )

 

Di Natali finu a strina, crisci un peri di jaddina
( da Natale all’Epifania la giornata cresce di un pochino )

 

Jnnaru siccu, massaru riccu, quannu Dicembri lassa ‘u lippu’ 
( Gennaio senza pioggia è positivo quando Dicembre è stato piovoso da lasciare l’umido )

 

Natali o’ suli, Pasqua o’ tizzoni
( Natale al sole Pasqua vicino al camino )

 

Ariu nettu non ha paura di tronu 
( Chi ha la coscienza a posto non teme nessuno )

 

Bon tempu e malu tempu, non dura tuttu ‘u tempu
( sia il cattivo che il buon tempo non dura sempre )

 

Non si lauda jornu si non scura scura 
( non si glorifica giorno se prima non passa )

 

Diu manna ‘u friddu secunnu ‘i propri panni 
( Dio manda il freddo secondo i propri vestiti )

 

Marzu chiovi chiovi, Aprili cchiù di cchiù, ‘nta Maggio una bona pi livari li risini 
( a Marzo pive ad Aprile di più a maggio piccolo gocce )

 

Marzu e Aprili non livari e non mintiri 
( a Marzo ed Aprile non cambiare abbigliamento )

 

Jnnaru puta paru 
( A Gennaio si pota bene )

 

Marzu e Aprili lassimi durmiri
( A Marzo ed Aprile buon dormire )

 

Giugnu e Giugnettu sauta du lettu 
( a Giugno dormi poco )

 

Acqua d’austu, chiovi ogghiu, meli e mistu 

( le pioggie di agosto sono come se piovesse olio, miele e mosto )

 

Ppi San Francesco nesci lu caudu e trasi lu friscu 
( per San Francesco esce il caldo ed entra il fresco )

 

 


Cocuzza longa ….. senza semenza
( pur riferendosi ad zucchina intende una persona alta senza sale in zucca )

 

Dici lu mottu anticu, mangia ficu e ‘zita ficu 
( nella stagione di maturazione si innestano gli alberi di fico )

 

All’anima da zà Cicca, si non appigghia sicca
( prova a seminare se non germoglia secca )

 

Favi siminati nta strina, carricunu dù zuccu finu a cima 
( feve seminate per l’epifania crescono piene di frutti )

 

A vigna cu bona a zappa bona a vinnigna
( lavora bene la vigna che buono sarà il raccolto )

 

Vinu amaru tenilu caru 
( il vino amora conservalo con cura )

 

Cu va a mannara mangia ricotta 

 ( chi si reca all’ovile mangia la ricotta )

 

Dissi lu cerru a la cocuzza, ‘nta austu si vidi cu è cerru e cu cocuzza 
( disse la quercia all zucchina ad Agosto si vede chi è quercia o zucchina )

 

‘Nta l’ortu e ‘nta lu jardinu, stacci di cuntinuu
( nell’orto e nel giardino stacci di continuo )

 

Chianciunu l’occhi mia e hanno ragioni, comuli viti a marzu putati 
( piangono i miei occhi come le viti potate a marzo “fuori stagione“)

 

A reggina ‘nto palazzu, a racina ‘nte pampini 
( la regina nel palazzo l’uva nelle viti )

 

Quannu viditi nespoli chianciti chistu è lu primu fruttu di l’estati 
( le nespole indicano l’arrivo dell’estate )

 

Quannu lu persicu ciurisci e matura lu jornu cu la notti si misura 
( quando il pesco fiorisce e matura il giorno ela notte sono di egual misura )

 

Asinu puta e sarmentu fa racina 
( Anche se si pota male la vite produce meglio che non potata )

 

Ardizza l’arbulu quannu è tenniru 
( raddrizza l’albero quando è giovane )

 

 


Quannu pri tanta scarsizza di lazzu quannu pri tanta funnizza di puzzu
( le difficoltà sono sempre tante o per poche risorse o per molte richieste )

 

Pueti, cantatori e pinci-santi sira e matina campunu scuntenti 
( poeti, cantanti e madonnari sono sempre infelici )

 

Tri su li beni vuluti: buffoni, ruffiani e gran cornuti 
( tre sono i ben voluti: buffoni, ruffiani e cornuti )

 

Si lu munnu fussi fattu di sasizza lu monucu n’avissi sempri dui caddozza
( se il mondo fosse fatto di salsicce il monaco ne avrebbe sempre due )

 

Tannu la donna sta ferma cu unu, quannu lu turcu si fra cristianu
( la donna sarà fedele con un uomo quando il mulsumano si converte al cristianesimo )

 

Lassau rittu la povera nanna, lu risu cu li guai vannu a vicenda
( lascio detto la nonna la felicità con i guai si alternano )

 

Ci vonnu zucchi di milli cantara ca lu focu di pagghia pocu dura
( il fuoco duraturo e quello di grossi tronchi e non quello di paglia )

 

Prima di fari un passu, assicurati di putiri fari l’autru 
( prima di fare un passo assicurati di poterne fare un altro )

 

Cu arrobba fa un piccatu, ni fa centu cu è arrubbatu 
( chi ruba fa peccato, chi è derubato ne fa cento )

 

Cu cchiu sapi meno sapi 
( chi crede di saperne di più meno sa )

 

Cu fa cannistreddi, ni fa brutti e ni fa beddi 
( lavorando artigianalmente non tutto viene perfetto )

 

Cu lassa a vecchia pi la nova peggio si trova
( chi lascia la vecchia per la nuova peggio si trova )

 

Cu pratica ccù zoppu all’annu zuppia 
( chi pratica con lo zoppo dopo un anno zoppica )

 

Chiddu ca pari ca dormi e riposa porta la cruci cchiù gravosa 
( chi sembra riposare e dormire porta la croce più gravosa )

 

Cu isa l’anca perdi la panca
( chi si alza perde il posto )

 

Li jastimi su di canigghia, cu li manna si li pigghia 
( le imprecazioni sono come un boomerang )

 

Li guai di la pignata, li sapi la cucchiara ca i rimina 
( i guai della pentola li conosce il cucchiaio che li mescola )

 

Niuru cu niuri non tingi 
( nero con nero non colora )

 

Cu tarda e si fa onuri, non si chiama malu pavaturi 
( chi si fa onore con ritardo non è un cattivo pagatore )

 

I mura non hannu aricchi ma sentunu, non hannu vucca ma parrunu 
( i muri non hanno orecchi ma sentono, non hanno bocca ma parlano )

 

Lu picca m’abbasta, l’assai m’assuperchia 
( il poco mi basta il troppo mi abbonda )

 

Cu sparti havi la megghiu parti 
( chi divide ha la parte migliore )

 

Munti cu munti non si iunciunu mai 
( due monti non s’incontrano mai)

 

Nuddu t’arrobba si non ti sapi
( nessuno ti ruba se non chi ti sa i beni )

 

Scupa nova scruscio fa 
( ciò che è nuovo fa sempre scalpore )

 

Tantu va a quartana all’acqua finu ca si rumpi 
( tanto si adopera la brocca che alla fine si rompe )

 

Ammatula ca t’allisci e fai cannola lu santu è di marmuru e non suda 
( è inutile allisciare, la statua è di marmo e quindi non suda )

 

Amaru cu havi bisognu d’autri 
( guai ad avere bisogno degli altri )

 

Cu havi cchiù Sali conza a minestra 
( chi ha più sale condisce la minestra )

 

Cu mangia fa muddichi 

( chi mangi fa briciole )

 

Non cogghiri mai l’ogghiu supra u maccu
( non lesinare mai esageratamente )

 

Si stai fermu ti cutiddiu, si fui ti sparu si ti jetti ‘nto puzzu ti pirdunu
( se stai fermo ti accoltello, se ti muovi ti sparo, se ti butti nel pozzo ti perdono)

 

Non si può mungiri a petra pi nesciri sugu
( non si può mungere la pietra ed aspettare che esca il succo)

 

Cu pecora si fa, veni u lupu e si la mangia 
( chi si fa pecora, viene il lupo e se lo mangia )

 

Non è tuttu oru chiddu ca riluci, non è tuttu veru chiddu ca si dici
( non è tutto oro quello che luccica, come non è vero tutto quello che si dice)

 

U curnutu e canusciutu sulu ‘o so paisi, u cretini unni và và
( il cornuto è conosciuto solo al suo paese il cretino ovunque va )

 

L’albiru pecca e lu ramu ricivi 
( l’albero pecca il ramo ne piange le conseguenze “chiara allusione a padre con figlio” )

 

Cu mania non disia
( chi possiede non desidera )

 

Supra vaddira craunchiu 
( sopra l’ernia un gonfiore )

 

Centu ladri non pottiru spugghiari a unu nudu 
( cento ladri non possono spogliare un nudo )

 

La calunnia si non tingi pingi 
( la calunnia se non macchia ti segna )

 

Unu sulu non è bonu mancu ‘mparadisu
( da soli non si sta bene neanche in paradiso )

 

Cu nasci tunnu non mori quadratu
( chi nasce tondo non muore quadrato )

 

Passau ‘u tempu ca Betta filava
( è passato il tempo in cui tutto andava bene )

 

Persu u mulu cerca i capizzi 
( perso il mulo è inutile cercare le briglie )

 

Fari a cu figgi e a cu figghiastri 
( non trattare tutti allo stesso modo )

 

‘ U munsignaru avi aviri bona memoria 
( il bugiardo deve avere buona memoria )

 

Cu si senti pungiri nesci fora
( chi si sente pungere esce allo scoperto )

 

Fatti a nomina e va curchiti
( fatti la nomina e dormi sugli allori )

 

Ancora a nasciri e si chiama Cola
( già da piccolo chiede conto e ragione )

 

‘U veru surdu e chiddu ca non voli sentiri
( il vero sordo e chi non vuole sentire )

 

‘ U panaru si non si inchi si vagna
( il paniere se non si riempie si bagna )

 

Passari li guai di lu linu
( passare i guai del lino che viene battuto per essere filato )

 

Vaiu pi farmi a cruci e mi cacciu l’occhi 
( sono così inetto che facendomi la croce mi cavo un ‘occhio )

 

Fai l’elemosina e non guardari a cui
( fai l’elemosina e non guardare a chi )

 

Si voi stari bonu, lamentati
( se vuoi stare bene lamentati )

 

Tanti testi, tanti mazzi
( tante teste tante mazzi )

 

A lu stru di cannula, non pigghiari ne fimmina, ne tila 
( con poca luce non scegliere ne moglie ne stoffa )

 

Amara ‘ a pecora ca avi a dari ‘ a lana 
( guai alla pecora che deve dare la lana )

 

Ma li non fari, paura non aviri 
( non fare male non avrai paura )

 

Pensa la cosa prima ca la fai, ca la cosa pinsata è bella assai 
( pensa la cosa prima che le fai che se pensata verrà meglio )

 

Cu di li robi d’autru sii vesti, prestu si spogghia 
( chi si veste con gli abiti degli altri presto si spoglia )

 

'Nzoccu fa pi li me denti, non fa pi li parenti 
( quello che va bene per i miei denti non va bene per i miei parenti )

 

Ogni lignu havi u so fumu
( ogni legno ha un suo fumo )

 

Li cosi longhi addiventunu serpi 
( le cose per le lunghe diventano serpi )

 

Quannu tu manci chiuditi la porta e quannu parri votiti d’arreri 
( quando mangi chiudi la porta, quando parli guardati alle spalle )

 

Abballa mentri la fortuna sona 
( balla quando la fortuna è dalla tua parte )

 

Ogni ‘mpidimentu è giuvamentu 
( ogni impedimento è giovamento )

 

Dui cosi non potti addrizzari lu Signori: cucuzzi longhi e testi di viddani
( due cose non ha potuto raddrizzare il creatore: le zucche lunghe e i campagnoli)

 

Ogni acqua leva siti 
( ogni tipo di acqua toglie la sete )

 

Megghiu sulu ca malu accumpagnatu
( meglio da sooi che mal accompagnato )

 

Cu prima arriva prima macina o mulinu
( chi prima arriva ha diritto di macina )

 

Ed unni mai si ‘ntisi viddanu gentili e marinaru curatisi
( quando mai si è udito villano gentile e marinaio cortese )

 

Bisogna masticari feli si voi doppu agghiuttiri lu meli 
( bisogna saper masticare fiele se dopo si vuol godere il miele )

 

Fimmini di tilaru, jaddina di puddraru e trigghia di jnnaru 
( donne da telaio, galline da pollaio, triglie di Gennaio )

 

Si voi campari ‘mpaci, ascuta, varda e taci
( se vuoi campare in pace, ascolta, guarda e taci )

 

 


Cu sempri va a prucessioni e missi, non è lignu di fari crocifissi
( non sempre chi segue tutte le messe e processioni è un buon cristiano )

 

Non sputari ‘ncelu ca ‘ facci ti veni 
( se sputi in cielo in faccia ti ritorna )

 

Diu affliggi ma non abbannuna 
( Dio ti fa patire ma non ti abbandona )

 

Diu chiudi ‘na porta e apri un purticatu 
( Dio chiude una porta ma apre un portone )

 

Lu signuruzzu i cosi i fici ritti, vinni lu diavulu e li sturciu 
( Dio creò un mondo giusto, poi venne il diavolo che lo storpio )

 

Ogni beni Diu veni 
( fai del bene che Dio ti assiste )

 

Non circari di pigghiari ‘u celu a pugna 
( evita di prendere il cielo a pugni )

 

Fingi d’amari Diu e futti ‘u prossimu 
( alcuni fingono di amare Dio e fregano il prossimo )

 

Non si movi foggia d’albiru senza la vuluntà di Diu 
( non si muove foglia che Dio non voglia )

 

Ammuccia lu latinu la ‘gnuranza di lu parrinu
( le citazioni latine nascondono l’ignoranza dei preti )

 

Cù havi lu parrinu ‘ncasa, havi lu porcu appisu
( ai preti non mancano mai le provviste )

 

Frati, ciumi e parrini su’ tri mali vicini
( frati, fiumi e preti sono tre mali vicini )

 

Lu monucu sciala e lu cunventu paga 
( il frate mangia e il convento paga )

 

Nni la casa di Gesù 'zzoccu trasi un nesci cchiù 
( i preti sono pronti a ricevere difficilmente a dare )

 

Nun c’è festa né fistinu ca ‘un c’è un monicu o un parrinu
( in tutte le feste c’è sempre un monaco o un prete )

 

Unn’ è monici e parrini cci su corna e vastunati
( dove ci sono monaci e preti ci sono corna e bastonate)

 

 


Ognuno havi li so guai, cù cchiù picca e cu cchiù assai 
( ognuno ha i suoi guai chi di meno chi di più )

 

Cu appi focu campau, cu appi pani muriu 
( chi ha avuto fuoco è sopravvissuto chi ha avuto pane è morto )

 

A lettu fai du cosi, si non dormi t’arriposi
( a letto se non dormi ti riposi )

 

Un muzzuni ruttu campa cent’anni 
( una brocca lacerata campa cento anni, perché viene usata con cura )

 

Si hai un mali cuntulu a tutti, qualcunu ti po’ dari aiutu 
( se stai male raccontalo a tutti qualcuni ti potrà dare aiuto )

 

Testa fridda e pedi caudi
( tieni la testa fredda e i piedi caldi )

 

Autru e parrai di morti, autru è muriri 
( una cosa è parlare di morte una cosa è morire )

 

Si voi campari l’anni di la cucca sparda scarpi assai e linzola picca 
( se vuoi vivere a lungo consuma tante scarpe e pochi lenzuoli )

 

Morti non veni mai senza scaciuni
( la morte arriva sempre per qualche male )

 

Pinnuli di jiaddina e sciroppu di cantina 
( uova di gallina e vino sono i migliori rimedi )

 

Catarru, vinu cu lu carru 
( per chi ha il catarro vino a volontà )

 

Diu nni scanzdi quattro pirsuni: medici, nutara, spiziali e mali patroni 
( Dio ci liberi da medici, notai, speziali e cattivi padroni )

 

Peri a lettu, vrazza ‘ o pettu 
( mali ai piedi stai a letto, male al braccio appendilo al petto)

 

 


E chi mi servi a mia l’amari tantu ca zappu all’acqua e siminu a lu ventu
( a cosa mi serve l’amore visto che zappo nell’acqua e semino al vento )

 

Va leviti d’avanti sparapaulu ca l’amuri pri forza e sempri trivulu 
( togliti da i miei occhi poveraccio che amarsi per forza diventa sempre lamento )

 

Si amuri novu si pigghia lu locu scurdari non si po’ l’amuri anticu 
( se un amore nuovo piglia posto ad uno vecchio questo non si può scordare )

 

Lu veru amuri non senti cunsigghiu
( chi ama veramente non ascolta i consigli altrui )

 

Matrimoni e viscuvati, di lu celu su mammati 
( i matrimoni e nomine a vescovo sono doni del cielo )

 

Cu si pigghia pri doti la muggheri dulurusa farà lu so campari 
( se sposi una moglie malata sarà la sua medicina )

 

Lu curnutu quannu non mangia ci mangiunu li corna 
( il cornuto quando non mangia si gratta le corna )

 

L’omini non si misurunu a parmu 
( gli uomini non si misurano a palmi )

 

L’amuri e comu lu citrolu comincia duci e poi finisci amaru
( l’amore è come il cetriolo inizia dolce e finisce amaro )

 

A fimmina ca ridi, non ci aviri fidi 
( non avere fede in una donna che ride )

 

Nuddu ti pigghia si non t’assimigghia 
( non ti sposa altro che persona a te simile )

 

Tantè granni l’amuri ca ti portu ca si ti viju cadiri t’ammuttu 
( è cosi grande l’amore che ho per te che se ti vedo cadere ti spingo giù )

 

Si ti voi fari amari, fatti disidirari 
( fatti desiderare sarai amato )

 

Tira cchiù un pilu di fimmina, ca na corda di bastimentu 
( ha più forza attrattiva un pelo di donna, rispetto alla capacità di traino di una grossa fune da ormeggio)

 

L’omu di vintottu e la fimmina di diciotto
( gli anni ideali per sposarsi l’uomo a 28 anni la donna 18 anni )

 

Lu rispettu è calculatu, cu ni porta n’havi purtatu 
( se rispetti sari rispettato in egual misura )

 

Cu ti voli beni ‘n casa ti teni 
( chi ti vuol bene non ti manda via di casa )

 

Non mettiri mai la pagghia vicino allu focu 
( la paglia vicino al fuoco è facilmente infiammabile )

 

Cu pati pi amuri non senti duluri
( le pene d’amore non provocano dolore )

 

Quantu vali ‘n amicu ‘n chiazza non vali nudda ricchezza
( avere un amico vero in piazza ha più valore di un tesoro )

 

Geniu fa biddizza
( essere geniali equivale a bellezza )

 

Un patri campa centu figgi e centu figgi non campunu un patri 
( un padre fa crescere 100 figli i quli non sono in grado di sfamare il padre )

 

Cu si marita sta cuntentu un jornu cu ammazza ‘n porcu sta cuntentu un annu 
( il matrimonio ti rende felice un giorno, macellare un maiale ti rende felice un anno )

 

Acqua passata non macina mulinu
( riferito ai mulini ad acqua, l’acqua già passata dalla pala non fa girare più la macina )

 

Facemmo cuntu ca chioppi e scampau e la nostra amicizia finiu 
( per indicare un amicizia finita si paragona il tutto ad un temporale iniziato e finito )

 

Ama l’omu tò ‘cchi vizi so 
( ama il tuo uomo con tutti i suoi vizi )

 

Omu di malu coluri o è birbanti o è traditori
( l’uomo di carnagione strana è spesso un traditore )

 

Cu ti voli beni ti fa chianciri e cu ti voli mali ti fa ridiri 
( chi ti vuol bene ti fa piangere chi ti vuol male ti ridere)

 

A lunghezza e menza bidizza 
( l’altezza di una persona è considerata un pregio estetico )

 

Centenni d’amuri e un minutu di sdegnu
( augurati 100 anni di amore e un minuto di sdegno )

 

Parru ccu soggira ppi sentiri nora
( parlo con la suocere per farmi sentire dalla nuora )

 

Stuppa mi dasti e stuppa ti filai tu mi tingisti e iu t’annirica
i ( stoppa mi hai dato e stoppa ho filato, tu mi hai colorato ed io ti ho annerito in pratica quanto mi hai dato ti ho restituito )

 

Avanti di canusciri ‘n’amicu ti voi manciari na sarma di Sali 
( per incontrare un amico vero deve passare tanto tempo )

 

A lu maniari la paletta si viri si ni ratta 
( un buon artigiano che professa la sua bravura si vede quando usa gli strumenti di lavoro )

 

Non sunnu tutti omini chiddi ca pisciunu a lu muru
( per essere uomini non basta avere gli attributi )

 

Guai e maccarruni si mangianu caudi 
( i guai si affrontano subito e i maccheronici mangiano caldi )

 

Luntanu di vista luntanu di cori 
( lontano dagli occhi lontano dal cuore )

 

Megghiu pani e cipudda a la tò casa ca ‘ncasa d’autri ‘na cena sfrazzusa 
( accontentati di una cena parca casa tua che di una sfarzosa in casa d’altri )

 

Cu po’ fari e non fa campa scuntentu 
( chi ha la possibilità di fare qualcosa e non fa vive scontento )

 

Pri tanti cunsigghi la navi si sfasciu ‘mmensa li scogghi 
( troppi consigli sono spesso pericolosi tanto che la nave si fracasso sugli scogli )