Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

La camera oscura e formazione dell'immagine

_______________________________________________________

 

LA CAMERA OSCURA

 

______________________________________________

 

 

 

Una camera oscura è formata da una scatola di legno o di cartone a perfetta tenuta di luce: al centro da una parte è praticato un piccolissimo foro.

 

Dirigendo questo forellino verso un soggetto ben illuminato, sulla parte opposta si forma l'immagine, più piccola e capovolta, del soggetto stesso, che possiamo osservare ad esempio attraverso un vetro smerigliato.

 

 

 

 

 

Se si allarga il foro e si inserisce una lente convergente (obiettivo), l'immagine proiettata apparirà più nitida e luminosa.

 

Finalmente, se al posto del vetro smerigliato, sulla parete di fondo si sistema una lastra o una pellicola fotografica, sensibili all'azione della luce, si ottiene una semplice e rudimentale macchina fotografica.

 



_______________________________________________________________

 

FORMAZIONE DELL'IMMAGINE

 

 La pellicola è conservata dentro l'apparecchio fotografico nella massima oscurità. Quando, per brevissimo spazio di tempo (ad es: 1/100 di secondo), essa viene esposta all'azione della luce che passa attraverso l'obiettivo, le sostanze chimiche che la ricoprono si "impressionano", formando un'immagine "negativa" del soggetto.

 

Perché "negativa"?

 

Perché i sali d'argento contenuti nell'emulsione hanno la proprietà di annerirsi in relazione alla quantità di luce che li colpisce.

 

Le parti chiare del soggetto riflettono molta luce, impressionano maggiormente la pellicola e quindi risultano più scure.

 

Al contrario, le parti scure del soggetto riflettono poca luce, impressionano meno la pellicola e perciò risultano più chiare.

 

Ma l'immagine fissata sulla pellicola non è ancora visibile, perciò viene chiamata "immagine latente".




 

 

Per renderla visibile è necessario procedere a due operazioni chimiche, lo sviluppo e il fissaggio, che rivelano e fermano sulla pellicola l'immagine negativa del soggetto.

 

 

 

 

Finalmente, con l'operazione di stampa, è possibile ottenere una copia "positiva".