Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA BY NIGHT

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Architettura ittita

 

L'arte ittita, su cui agì, oltre all'influsso siriaco, una conoscenza più o meno diretta dell'arte mesopotamica, è nota soprattutto attraverso gli scavi di Bogazköi (o Bogazkale) (l'antica Hattusa), Çatal Hüyük, Yazilikaya, che hanno riportato alla luce templi, palazzi, mura e fortificazioni del periodo imperiale (1400- 1200 a.C. ca.). Le poderose mura urbane (Bogazkale, Çatal Hüyük), con imponenti porte incassate fra torrioni, racchiudevano il palazzo reale e i templi, strutturati in maniera analoga: basamenti a grossi blocchi quadrati o massicce lastre poste verticalmente, e parte superiore in mattoni crudi e travi di legno.

L'architettura templare, come è dimostrato dai cinque templi di Bogazkale, contemplava la presenza di un cortile circondato da numerosi ambienti, di una sala del trono e di una cella per il simulacro della divinità.

La scultura, monumentale ma non priva di originalità e caratterizzata da una certa vivacità di resa plastica, è documentata dai rilievi rupestri (il maggior ciclo è quello del santuario di Yazilikaya, con processione di dei e dee) dagli ortostati a rilievo (porta di Çatal Hüyük, con processione di sacerdoti e offerenti guidata dall'imperatore e dall'imperatrice), dai rilievi che ornano le porte urbane (protomi leonine e sfingi a Bogazkale e Çatal Hüyük).

Interessanti appaiono anche le manifestazioni delle arti minori, con particolare riferimento ai sigilli cilindrici finemente intagliati alle statuette-amuleto d'oro e d'argento riproducenti in piccolo le statue cultuali dei templi.

 

L'architettura ittita poté avvalersi della pietra (soprattutto basalto) e presenta caratteri peculiari come l'asimmetria della pianta, la presenza di un vestibolo a colonne nei santuari (che venne poi adottato dagli Assiri) e le ampie finestre verso l'esterno degli edifici.

Hattusa, già abitata nei sec. XIX e XVIII, raggiunge la massima estensione nel Nuovo Impero. Essa mostra un sistema di fortificazioni che sfruttava il terreno montagnoso su cui era edificata la città.
Nell'acropoli stavano gli archivi, e gli edifici amministrativi e nella parte più elevata il palazzo reale e un grande piazzale. Non lontano da Hattusa c'é il miglior esempio di santuario all'aperto (Yazilikaya, fatto erigere da Tudhalya IV, 1250 a.C. circa) la cui destinazione é sconosciuta. In una cerchia rocciosa sono state sfruttate due gallerie naturali decorate con rilievi di déi.