Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Il Galateo in ufficio

regole da non dimenticare

 

 

Stop ai “cafoni” in ufficio, a casa, nei luoghi pubblici. Si torna, e ne siamo ben contenti, ad un pò di sana gentilezza e buona educazione.

 

Questo lo slogan lanciato da Derek Blasberg, scrittore che ha recentemente pubblicato il libro “Classy“, un vero e proprio manuale di Bon Ton, ricco di consigli per allontanare tutti coloro che hanno comportamenti inadeguati, volgari, a volte addirittura disgustosi, che ognuno di noi, purtroppo, è costretto a sopportare nella vita quotidiana.

 

In molti penseranno che si tratta del solito libro da bacchettoni e snob, dedicato ad una ristretta cerchia di persone che reputano fondamentale il Bon Ton e le buone maniere in ufficio, nei luoghi pubblici ed a casa. In realtà, il libro di Blasberg si è rivelato un vero e proprio bestseller, tanto da guadagnare il primo posto in classifica nella lista del New York Time.

 

Una “nuova primavera” dunque per il galateo? A quanto pare sì:  i tradizionali comportamenti e le etichette borghesi sembrano tornare in voga, e non solo nell’alta società, ma anche fra le “persone normali“, che sperano di poter vivere, in modo più sereno e felice, le lunghe giornate di lavoro passate in ufficio, senza il terrore di subire gli attacchi dei soliti maleducati.

 

Ma quali sono le regole essenziali da rispettare e da far rispettare sul posto di lavoro?

All’apparenza molte possono sembrare scontate, ma in realtà, a giudicare dai comportamenti che spesso possiamo notare negli uffici, non è esattamente così.

 

Conoscere e rispettare regole e consuetudini della civile e buona convivenza,  soprattutto nelle aziende più tradizionali, può diventare anche la carta vincente per essere rispettati ed accettati e, magari, riuscire a far emergere il proprio valore professionale.

 

Vediamo, dunque, i consigli “di base”, per vivere meglio nel proprio ambiente lavorativo, evitare gaffe e tenersi alla larga dai colleghi decisamente “out”, poco garbati e sensibili nei nostri riguardi:

 

- Quando si fanno le presentazioni, partire sempre dalla persona più importante nell’organigramma dell’azienda, presentandole la seconda persona. Se nell’ufficio entra una persona sconosciuta o comunque con la quale non abbiamo rapporti quotidiani, alzarsi sempre dalla sedia, stingerle la mano facendola accomodare.

 

- Anche se non ci sono divieti specifici, chiedere sempre il permesso a tutti i presenti prima di accendere una sigaretta. Il comportamento ideale sarebbe comunque quello di uscire dalla stanza.

 

- Evitare in generale comportamenti arroganti, saccenti, volgari ed irritanti in qualsiasi situazione; se ci sono problemi particolari con una persona, chiarire sempre in privato evitando di alzare la voce in modo da far ascoltare ai colleghi le proprie discussioni; accettare le critiche serenamente dimostrando buona volontà.

 

- Scegliere di avviare un’amicizia extralavorativa con un collega valutando bene la persona; evitare di flirtare in ufficio con i colleghi.

 

- Offrire il proprio aiuto senza particolari problemi, ringraziare quando qualcuno ci aiuta a risolvere un problema lavorativo.

 

- Evitare riposini in ufficio, lunghissime chiacchierate extralavorative, conversazioni interminabili al cellulare per motivi privati, allontanamenti ingiustificati.

 

- Bussare sempre prima di entrare in una stanza, anche se la porta è aperta e chiedere il permesso di entrare attendendo evetualmente per qualche secondo una risposta.

 

- Non congedarsi mai per primi durante un colloquio privato con un proprio superiore.