Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Come difendersi dai germi in palestra

Alcune semplici regole suggerite da un esperto della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali aiutano ad evitare le infezioni causate da germi e batteri, che crescono e proliferano in spazi

 

Capita spesso di andare in palestra e di tornare a casa non solo coi muscoli doloranti, ma anche con malanni di altro tipo, causati da germi e batteri che proliferano negli spazi stretti e umidi.

 

«L'acqua è l'ambiente privilegiato per la propagazione di microrganismi come il Cryptosporidium, che si trova nelle piscine, è resistente al cloro e provoca diarrea, o il Pseudomonas Aeruginosa, che cresce nelle vasche riscaldate degli idromassaggi e causa follicoliti anche gravi, mentre funghi, virus e stafilococchi si possono trovare neglispogliatoi o nelle docce e possono scatenare infezioni cutanee e gastrointestinali».

 

Una situazione raccapricciante, non c'è che dire, ma seguendo questa sorta di vademecum in dieci punti stilato dall'esperto, i rischi di ammalarsi in palestra o in piscina possono essere ridotti al minimo:

 

- evitare di camminare scalzi per scongiurare il pericolo verruche o simili
- coprire graffi o screpolature che potrebbero infettarsi a contatto con attrezzi o tappetini
- meglio portarsi da casa l'asciugamano da usare nella sala esercizi ed avere l'accortezza di pulire le impugnature degli attrezzi prima di usarli
- asciugarsi con cura dopo la doccia per evitare che eventuali germi restino sulla pelle
- mai andare in palestra se non ci si sente in forma, per non contagiare gli altri
- chi frequenta palestre o piscine farebbe meglio a vaccinarsi contro l'influenza per impedire la propagazione del virus
- evitare palestre e piscine sovraffollate per limitare il rischio del contagio
- scegliere ambienti possibilmente ampi e con un buon ricambio d'aria (accertarsi che le finestre non siano minuscole e che l'impianto di aria condizionata funzioni)
- meglio optare per locali che abbiano pavimenti in materiali facilmente lavabili e privi di intercapedini (lì la sporcizia si annida maggiormente)
- controllare che gli spogliatoi siano lavati e disinfettati più volte al giorno e che attrezzi e tappetini vengano bonificati almeno una volta nel corso della giornata