Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA BY NIGHT

CATANIA COM'ERA

          CATANIA SPARITA

GLI SCORCI PIU' BELLI

DELLA MIA SICILIA

        SICILIA: LA MIA TERRA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

da "La Centona" ed altre opere

di Nino Martoglio

Dâ Wikipedia, la nciclupidìa lìbbira.
 
 Centona, ca ntà parrata lucali catanisi di l'èbbica significava "cunfusioni", è la raccorta cumpleta di tutti li puisii siciliani di Ninu Martogliu, pubbricata pâ prima vota a Catania a lu nizziu dû 1900 di l'editori Cav. Nicculò Giannotta.
 

Pirandellu, accusì scrivìu ntâ prifazzioni â Centona: Ninu Martogliu è tutta la sò Sicilia, ca ama e ca udìa, ca ridi e juoca e chianci e si dispera cu l'accenti e chê modi ca ccà ntâ Centona sunnu aspressi pi sempri ncumparabbirmenti”.

 

Dicìu ancora Pirandellu: "Ninu Martogliu è pi la Sicilia chiddu ca è Di Giacumu e Russu pi Nàpuli, Pascarella e Trilussa pi Roma, Fucini pâ Tuscana Servaticu e Barbarani pô Vènitu. Sunnu tuttu vuci lijati e ntricati chê cosi dâ terra natìa, lu sapuri, lu culuri, l'ària, lu rispiru, lu ciàuru cu cui vìvunu pi daveru e s'allùminanu e rispìranu e pàrpitanu dda sulamenti e nun nta àutri banni".