Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

 I Video che ho dedicato alla mia Terra e alla mia Città

 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA BY NIGHT

CATANIA COM'ERA

          CATANIA SPARITA

     I QUARTIERI DI CATANIA 

        LE SPIAGGE PIU' BELLE

                DI CATANIA

GLI SCORCI PIU' BELLI

DELLA MIA SICILIA

        SICILIA: LA MIA TERRA

          PERLE DI SICILIA

CITTA' DELLA SICILIA

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

JEAN HOUEL

Un francese in Sicilia

ANDERSEN in SICILIA

L'Etna vista da Andersen

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" 

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Lo sapevate che a Catania.....

 

Ci sono 5 cose che forse non conoscete

della FESTA di S. AGATA?

 

 

da: Siciliafan 

 

  • Nel XVI secolo e forse ancora prima, era diffusa l’abitudine, da parte di molte persone per lo più appartenenti alla borghesia, di andare in giro mascherate per non farsi riconoscere. Non è chiaro il motivo di questa usanza che degenerò in alcuni casi di comune delinquenza. Celati dalle maschere, molti malintenzionati approfittavano della situazione.

 

 

  • Altro elemento di curiosità, coevo a quello precedente, è costituito dalla figura delle ‘ntuppateddi. Queste, dal Cinquecento e fino a metà Ottocento, erano delle donne, appartenenti a varie classi sociali, che nei pomeriggi del 4 e 5 febbraio, si avventuravano da sole in giro per la città avvolte in un grande mantello e con il volto completamente celato per non farsi riconoscere. In quel tempo era un’usanza fuori dal comune che una donna, sia sposata che nubile, uscisse di casa senza essere accompagnata. Esse andavano in giro per la città accettando dolci e regali da corteggiatori occasionali.

 

 

  • Molti anni fa, quando la processione passava per il Castello Ursino, il fercolo con il busto e lo scrigno contenenti le reliquie sostavano a tarda sera e per la durata della notte all’interno del castello normanno.In un’occasione dei ladri maldestri, chiamati in dialetto “i vastasi” entrarono per trafugare lo scrigno derubandolo dei preziosi ex-voto. Nell’articolare questa delinquenza fecero cadere il busto che solo per un miracolo rimase pressoché intatto.

 

 

  • Nel 1890 la vara di sant’Agata subì una visita da parte dei ladri che asportarono le dodici statue degli apostoli, in argento massiccio, ed altri elementi decorativi che fu facile smontare. Il furto fu perpetrato da un gruppo di 25 malfattori che agirono per oltre tre mesi con la complicità del Canonico Di Maggio.

 

 

  • Nel 2011 è stato registrato il record di durata dei festeggiamenti. Il busto della Santa è rientrato in Cattedrale alle 12.45 circa del 6 febbraio, con largo ritardo rispetto alle previsioni. Inoltre per motivi di sicurezza e per la prima volta nella storia il busto è stato posizionato sul tronetto al centro del presbiterio, anziché nella sua cappella, in occasione di una messa straordinaria.