Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA COM'ERA

SALUTI DA CATANIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

Giovanni Pacini

Giovanni Pacini(Catania, 1796 - Pescia, 1867), studiò canto dapprima con il padre Luigi (noto tenore), poi con il celebre Marchesi a Bologna, dove seguì anche i corsi di armonia e contrappunto con Padre Mattei, proseguendoli con B. Furlanetta a Venezia.

 

Esordi a 17 anni come operista con la farsa Annetta e Lucindo (Milano, 1813), giungendo rapidamente a grosse affermazioni. Fondò a Viareggio una famosa scuola di musica che, trasferita nel 1865 a Lucca, porta ancora oggi il suo nome ; nella stessa città fu anche maestro della duchessa Maria Luisa. I suoi melodrammi, fra cui Furio Camillo (1839) e Saffo(1840), apparivano ogni anno nei maggiori teatri italiani e stranieri. Fu amico di Rossini e collaborò come critico musicale a varie riviste dell'epoca.

 

Compositore di vena facile e superficiale fu assai prolifico. Definito nella sua prima maniera maestro delle cabalette, affrontò nella maturità una più meditata linea melodica, uno strumentale e una ambientazione armonica più accurati (vedi la Saffo del 1840). Lasciò circa 90 opere, fra cui (oltre alle citate) : Adelaide e Comingio(1817), Il Barone di Dolsheim(1818), La gioventù di Enrico V (1820), L’ultimo giorno di Pompei(1825), Gli Arabi nelle Gallie(1827), Il Corsaro (1831), Medea (1843), La regina di Cipro(1846), Njccolò de' Lapi(1873, op. postuma). Inoltre 5 oratori, circa 15 cantate, messe, miserere, vespri, la sinfonia a programma Dante (1865), 6 quartetti, 3 ottetti, 3 trii, lavori teorici: Sulla originalità della musica melodrammatica italiana del secolo XVIII, 1841; Princìpi elementari col metodo del meloplasto, 1849; Cenni storici sulla musica e trattato del contrappunto, 1864 e un volume autobiografico (Le mie memorie, 1865).