Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA BY NIGHT

CATANIA COM'ERA

          CATANIA SPARITA

GLI SCORCI PIU' BELLI

DELLA MIA SICILIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

 A    B    C    D    E    F   G   H   I   L    M    N    O    P   Q  R    S    T    U    V   Z 

 

 

 

Cu pari ca duormi e ripuosa,puorta la cruci chiù gravusa.

Chi sembra che dorme e riposa,porta invece la croce più pesante. 
(Non giudicare un'altra persona, se non conosci la verità.)

Cu avi l'api è riccu e nu lu sapi. 
Chi ha le api è ricco e non lo sa.
(Bisogna valorizzare ciò che si possiede.)

Ci vuoli u vìentu in chiesa, ma no astutari i cannili.
Ci vuole il vento in chiesa, ma no da spegnere le candele.
(Ci possono essere dei malintesi,ma non da farti arrabbiare.)

Cu ri spiranza campa rispiratu crìepa.
Chi vive di speranza, muore disperato.
(La speranza è l'ultima a morire.)

Cu amici e cu parienti, un c'accattari e un ci vinniri nìenti.
Con gli amici e con i parenti non comprare e non vendere niente.

Cu lu vinniri e lu cumprari, nun c'è amici ne cumpari.
Con il vendere e il comprare, non ci sono amici e compari.

Cu nesci, arrinesci.
Chi esce dal proprio paese trova la fortuna.

Cu mancia crisci, c'un mancia sparisci.
Chi mangia cresce bene, chi non mangia muore.

Cu va a Paliermu e nun va a Murriali, sinni parti scìeccu e tuorna maiali.
Chi visita Palermo e non Monreale, arriva asino e torna maiale.

Cu mancia fa muddhichi.
Chi mangia fa briciole.
(Chi fa qualcosa inevitabilmente commette qualche errore.)

Cu avi rinari campa felici, cu n'avi rinari pìerdi l'amici.
Chi ha denari vive felice, chi non ha denari perde gli amici.
(Il denaro non è tutto nella vita, ma risolve tanti problemi.)

Cu pìerdi un amicu scinni un scalinu.
Chi perde un amico scende di un gradino.

Cu s'ammuccia soccu fà, è signu ca mali fà.
Chi nasconde quel che fà, vuol dire che male fà.

Cu rintra lu murtaru l'acqua pista, cu li stizzi si vagna e stancu rìesta.
Chi pesta l'acqua nel mortaio, con le gocce si bagna e stanco resta.
(Chi solleva più volte una questione fino a fare impazientire il suo interlocutore e non aver risolto nulla.)

Cu strigghia u so cavaddhu un si chiama staddhìeri.
Chi striglia il suo cavallo non si chiama garzone.

Cu si fà meravigghia, c'incappa a cavigghia.
Chi si fa meraviglia, si fa male alla caviglia.
(Non meravigliarti di un fatto successo ad un altro, perchè potrebbe accadere su te stesso.)

Cu fà carteddhi, ni fà lari e ni fà bìeddhi.
Chi fa cesti, ne fa di brutti e ne fa di belli.
(Nelle cose che realizziamo non sempre raggiungiamo i migliori risultati.)

Chiddhu ca ora si schifia, veni lu tìempu ca s'addhisia.
Quello che adesso si disdegna, un giorno sarà desiderato.

Cu paga avanti, mancia pisci fitusi.
Chi paga prima, mangia pesce che puzza.

Cu pratica lu zùoppu, all'annu zuppichia.
Chi pratica lo zoppo, presto impara a zoppicare.

Chianta arbuli 'nmenzu la vigna, s'un pigli frutta cogli ligna.
Pianta alberi in mezzo alla vigna, se non raccogli frutta almeno raccogli legna.
(Fai del bene nella vita, se non raccogli sorrisi almeno fai felice la gente.)

Chistu e nìenti e me parìenti.
Qualcosa di poco e niente sono parenti.

Cielu caprinu, s'un chiovi oggi chiovi rumani matinu.
Cielo a pecorelle, se non piove oggi piove domani mattina.

Chiù annintra iamu, chiù pisci pigghiamu.
Più si va al largo, più pesci si pescano.

Chiusa na pùorta si rapi un purtuni.
Chiusa una porta si apre un portone.
sinonimo di:
(Non tutti i mali vengono per nuocere.)

Cu avi lingua passa u mari.
Chi ha lingua attraversa il mare.
(Se chiedi delle informazioni, arrivi dovunque.)

Cu cancia a strata viecchia pa nùova, sapi chiddhu chi lassa ma 'un sapi 'nsoccu truova.
Chi lascia la strada vecchia per la nuova, sà quel che lascia ma non sà quel che trova.

Cu è chiù fissa? Carnalivari o cu ci va apprìessu?
Chi è stupido? Lo scemo o chi lo segue?

Cu nasci tunnu un pò mùoriri quatratu.
Chi nasce tondo non può morire quadrato.
(Il detto vuole evidenziare che, se la natura ha creato l'uomo in un determinato modo, è impensabile che questi possa essere cambiato dagli eventi.)

Cu sparti si pigghia sìempri a mìegghiu parti.
Chi fa le porzioni si prende sempre quella più grande.

Cu si vanta ca so vucca, o è asinu o è cucca.
Chi si vanta per bocca sua, o è asino o è gufo.
(Chi si vanta da solo, è un asino o uno scemo.)
(sinonimo di: Chi si loda, s'imbroda.)

Ci rissi u muanacu a barissa: sìenza suordi un si canta missa!
Disse il monaco alla badessa: senza soldi non si canta messa!

Cari sìempri addhitta cuomu i atti.
Cade sempre in piedi come i gatti.

Curri quantu vuoi, ca sìempri ca t'aspìettu.
Corri più forte che puoi, tanto sempre qui io ti aspetto.
(Continua a perseverare nel tuo errore, perchè prima o poi capirai di aver sbagliato.)

Chista è a casa di Gesù e cu trasi un nìesci chiù.
Questa è la casa di Gesù e chi entra non esce più.

Cu sìemina vìentu, cuogli tempesta.
Chi semina vento, raccoglie tempesta.

Ciatu miu!
Fiato mio! - (Amore mio! - Anima mia! - Cuore mio!)
(Viene detto da un genitore ad un bambino o tra chi si ama.)

Cu bìeddha vuoli appariri, tanti guai avi a patiri.
Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.
(Chi bello vuol essere, soffrire deve.)

Ci rissi u scìeccu o mulu: semu nati pi ddari culu.
Ha detto l'asino al mulo: siamo nati per faticare.
(Chi non ha denaro, deve faticare per vivere,)

Chiddhu chi fà pi me rìenti nun fà pi me parìenti.
Quello che va bene per i miei denti non va bene per i miei parenti.
(Ciò che è utile per me non lo è per gli altri.)

Cu picca avi, caru tìeni.
Chi poco possiede, caro lo tiene.

Cu avi mugghieri bìedda sempri canta, cu avi rinari picca sempri cunta.
Chi ha una moglie bella è felice, chi ha pochi soldi sempre si lamenta.

Capi a casa quantu vuoli u patruni.
La casa è capiente quanto desidera il proprietario.
(Detto da chi ha una casa piccola e vuole ricevere tante persone.)

Camurria ca si!
Sei una scocciatura!

Cu parrò m'arricriò!
Chi ha parlato, mi fa innervosire di più.
(Sinonimo di: Da quale pulpito viene la predica!)

Criscinu l'anni e criscinu i malanni.
Più passano gli anni, più aumentano i malanni.

Cu è picciuttìeddhu nun è puvirìeddhu.
Chi è giovane è ricco.

Ci mancanu sìempri 19 suordi pi fari na lira.
Gli mancano sempre 19 soldi per avere una lira.
(Chi ha le mani bucate non ha mai denaro.)

Chiuovi assuppa viddhani.
Piove in maniera minuta e continua che arriva a bagnare gli abiti intimi se ci trova all'addiaccio.)

Chiacchieri e tabacchieri i lignu, u bancu i Napuli unni ppigna.
Chiacchere e tabacchiere di legno, il banco di Napoli non li vuole in pegno.
(Riferito a chi fa discorsi inutili e noiosi, perde solo tempo, perchè non convince colui a cui sono diretti.)

Ci stà comu u caciu ne maccarruna.
Ci sta come il formaggio nei maccheroni.
(Riferito quando in un discorso si fa una precisazione che calza molto bene.)

Cùomu ma canti, ta sùonu.
Come me la canti, io te la musico.
(Se stai sbagliando nei miei confronti, io te lo ricambio.)

Cùonsala comu vuoi, ca sìempri cucuzza è.
Condiscila come vuoi, ma sempre zucca rimane.
(Ciò significa che qualunque accorgimento si trovi quando la materia di base è poca non si possono ottenere buoni risultati.)

Cu ri un scìeccu fa un cavaddhu, u primu cavuciu su pigghia iddhu.
Chi di un asino fa un cavallo, il primo calcio se lo prende lui stesso.
(Chi apprezza una persona rozza, presto si renderà conto di aver preso un abbaglio.)

Cu sempri viri a prucissiuani e missi, unnè lignu pi fari crucifissi.
Chi sempre vedi andare a processioni e a messa, non è legno per fare crocifissi.
(Indica quelle persone che vanno costantemente in chiesa, spesso sono proprio quelle che commettono errori.)

Cu fa vinti e un fa vintunu, pìerdi vinti pi ddu unu.
Chi fa venti e non ventuno, perde venti per quell'uno.

Cu sputa 'ncìelu, 'nfacci ci tùorna.
Chi sputa in cielo, in faccia lo prende.

Capiddhi e guai unni mancanu mai.
Capelli e guai non ne mancano mai

Cu prima un pìensa, all'urtimu suspira.
Chi prima non pensa, all'ultimo sospira.

Cu si guardò si sarvò.
Chi si è guardato si è salvato.

Calati iuncu ca passa la china.
Abbassati mulo che passa la piena.

Cu a vùoli cùotta e cu a vùoli crura; e cu a vùoli ri mìenza cucitura.
Chi la vuole cotta e chi la vuole cruda; e chi la vuole di mezza cottura.

Cu avi figghi o latu, un pò mùoriri appanatu.
Chi ha figli accanto, non può morire sazio.
(Detto riferito ai genitori che con i figli vicini, si privano del cibo per darlo a loro.)

Cu mancia patati un mùori mai.
Chi mangia patate non muore mai.

Circari a mùorti a crirìenza.
Cercare la morte in maniera gratuita.

Cu l'ùocchiu ru patruni 'ngrassa u cavaddhu.
Con l'occhio del padrone ingrassa il cavallo.

Campa cavaddhu ca l'ìerba crisci.
Campa cavallo che l'erba cresce.

Cani c'abbaia un muzzica.
Can che abbaia non morde.

Cu ra vìecchia s'innammura, sinni chianci la vintura.
Chi di una vecchia s'innamora, se ne piange la ventura.

Cu avi cùorda gruppa gruppa, ci va mìenzu cu un ci cuirpa.
Chi ha corda nodi nodi, viene accusato chi non ne ha colpa.

Chistu è santu c'un sura.
Questo è un santo che non suda.
(Riferito a colui che fa finta di non capire.)

Chista è a zita, e cu a vuoli sa marita.
La fidanzata è questa, e chi la vuole se la sposi.
(Detto a chi si propone un qualcosa: Se ti piace va bene, altrimenti niente.)

Cumannari è mìegghiu ri futtiri.
Comandare è meglio di fregare il prossimo.

Chi vo mìettiri l'uoru cu chiummu?
Che vuoi mettere l'oro con il piombo?
(Che vuoi paragonare una cosa di buona qualità con la tua che è scadente?)

Cu tìempu e a pagghia maturanu i zuorbi.
Col tempo e con la paglia maturano le sorbe.
(Il detto sta a ricordare che solo con la pazienza, è possibile raggiungere lo scopo che ci si è proposti.)

Cu l'ùocchiu ru patruni 'ngrassa u cavaddhu.
Con l'occhio del padrone ingrassa il cavallo.
(Detto da colui che avendo interesse per un qualcosa, s'impegna nel farlo riuscire bene.)

Canciari i carti in tavula.
Cambiare le carte in tavola.
(Il detto vuole indicare l'azione scorretta di chi afferma una cosa diversa da quella detta precedentemente.)

Caminari chi pìeri i chiummu.
Camminare con i piedi di piombo.
(Il detto sta a significare l'abitudine di colui che è lento nel prendere decisioni.)

Casa stritta, stacci aggritta!
Casa stretta, stagli in piedi! (cioè: abitala, anche se ne vorresti una più comoda.)
(Il detto sta a significare che è meglio avere una casa piccola di proprietà, che averne una molto più grande che non ci possiamo permettere.)

Ci pari ca ni manciamu u pani rarrìeri u cùozzu?
Gli sembra che ci mangiamo il pane dietro la nuca?
(Il detto viene riferito per far capire agli altri che non siamo d'accordo con un'altra persona con cui ci sono dei malintesi.)

Cu un'è vistu e un'è pigghiatu, un pò ghiri carceratu!
Chi non è visto e non colto sul fatto, non può essere condannato!

Chianci u giustu pu piccaturi!
Piange il giusto per il peccatore!
(Il detto viene riferito quando nonostante le raccomandazioni di comportarsi bene qualcuno trasgredisce, ed allora si fanno penare anche coloro che non hanno nessuna colpa.)

Cappiddhazzu paga a tutti!
Cappellaccio paga a tutti!
(Il detto viene riferito di solito dal padre ai figli che sono da lui mantenuti e per aver fatto delle spese eccessive.)

Cìerca a mastru Masu cu li pisci.
Cerca a mastro Tommaso con i pesci.
(Viene riferito da chi ha avuto richiesto da un altro un favore particolare.)

Chiacchiaria chiossai run iùrici puopuli!
Chiacchera più di un giudice del popolo!
(Il detto viene riferito parlando di quei bambini piccoli che sono particolarmente chiaccheroni.)

Chistu è un cuntu e chiddhu è navutru cuntu!
Questo è un conto e quello è un altro!
(Il detto viene riferito per chiarire che non si devono mettere assieme due ragionamenti diversi.)

Chi chìecchi un cì cantari e chi zùoppi un cì abballari.
Con chi è balbuziente non devi cantare e con chi è zoppo non devi ballare.
(Il detto sta a significare che non bisogna frequentare persone molto diverse da te.)

Ci vinni u virticchiu!
Gli è venuto un nervosismo che fa perdere i sensi!
(Il detto è riferito a quelle donne che quando non gli conviene un dato ragionamento entrano in agitazione fino a svenire.)

Cu n'ascuta a mamma cierba, cavusi cavusi ci va a mmierda!
Chi non ascolta mamma cerva, si pentirà con grande paura!
(Il detto è riferito da una madre ai figli che non avendo ascoltato i suoi consigli, si sono poi trovati male.)

Cu scìecchi caccia e fimmini criri, facci ri paraddhisu unni viri!
Chi gli asini conduce e alle donne crede, non potrà pensare di stare bene (stare in paradiso).
(Il detto sta a significare che coloro che danno credito alle donne si troveranno spesso male per essere stati mal consigliati.)

Cu passa ru banninu e un è arrubbatu, mbummardatu nun'è o è malatu!
Chi passa da un posto malfamato e non è rubato, vuol dire che è o un poveraccio o è uno malato!

Cu sta spiranza d'avutri e a pignata mìetti, va p'arriminari e nun ci trùova nìenti.
Chi spera dell'aiuto degli altri e la pentola mette, va per mescolare e non ci trova niente.
(Il detto sta a significare: chi crede in un aiuto dagl'altri, dopo qualche tempo capirà che è stato preso in giro.)
(Sinonimo di: FIDARSI E' BENE, MA NON FIDARSI E' MEGLIO.)