Il mio sito

Pina Licciardello

Il sito in tutte le lingue

Video in primo piano 

 

DUCI TERRA MIA!

CATANIA FOREVER

CATANIA BY NIGHT

CATANIA COM'ERA

          CATANIA SPARITA

GLI SCORCI PIU' BELLI

DELLA MIA SICILIA

GIOCHI PEDUTI

GIRO DELL'ETNA

dai "Ricordi di un viaggio in Sicilia" di Edmondo De Amicis

CONTATTI

Nota: I campi con l'asterisco sono richiesti

 

 

 

A    B    C    D    E    F   G   H   I   L    M    N    O    P   Q    R    S    T    U    V   Z

 

Quannu si pìerdi, l'amicu si chianci.
Quando si perde l'amico si piange.
(Bisogna ravvedersi prima che si è persa l'amicizia.)

Quannu u scìeccu un vùoli viviri enutuli friscarici.
Quando l'asino non vuole bere è inutile che gli si fischi.
(A chi non vuole capire,inutile insistere.)

Quannu u attu un c'è i succi abballanu.
Quando il gatto non c'è i topi ballano.
(Quando manca il responsabile,ognuno fa quello che vuole.)

Quannu c'è r'nmienzu l'amicizia, un ci pò mancu la giustizia.
Quando c'è l'amicizia di mezzo, non ci può nemmeno la giustizia.
(Non si può lottare contro il potere occulto.)

Quannu u piru è maturu cari sulu.
Quando la pera è matura cade da sola.
(Col passare del tempo le situazioni si chiariscono da sole.)

Quannu a furtuna vota li spaddhi, ogni amicu s'arritira.
Quando la fortuna volta le spalle, tutti gli amici si ritirano.
sinonimo di:
(Gli amici sono come gli ombrelli, quando occorrono non sono mai a portata di mano.)

Quannu u riavulu t'alliscia vuoli l'arma.
Quando il diavolo ti accarezza vuole l'anima.

Quannu c'è u rammi e tè, l'amicizia sìempri c'è.
Quando i regali vengono ricambiati, l'amico resta soddisfatto.

Quannu a panza è china, pari aira a racina. 
Quando la pancia è piena, l'uva sembra acerba.

Quannu ci sunnu tanti cani supra un uossu, è megghiu tinirisi arrassu.
Quando vi sono troppi cani sopra un osso, è meglio tenersi distanti.
(Quando una cosa interessa molte persone, è meglio lasciar perdere.)

Quannu a vulpi un'arriva a racina, rici ca è rancida.
Quando la volpe non arriva all'uva, dice che è acerba.
(Detto riferito ad una persona che disprezza le cose che non si può permettere.)

Quannu a fimmina muovi l'anca, s'unnè buttana, picca ci manca.
Quando la donna cammina ancheggiando, se non è prostituta, poco ci manca.

Quannu u re era re ci mancava u cafè, ora ca è 'mperaturi ci manca u caliaturi.
Quando il re era re gli mancava il caffè, adesso che è imperatore gli manca il tostacaffè.

Quattru ùocchi virinu cchiossai ri rui.
Quattro occhi vedono molto pù di due.

Quannu chiuovi un sicca nìenti.
Quando piove non secca niente.

Quannu a Santa Chiara arrubbaru, ci misiru i grati.
Dopo che hanno rubato Santa Chiara, hanno messo le porte di ferro.

Quannu u misi è ddi quaranta, io vi pagu a tutti quanti.
Quando il mese è di quaranta giorni, io vi pago a tutti quanti.
(Detto da coloro che vogliono ritardare, più a lungo possibile, di saldare un debito.)

Quannu u bùonu un c'è, u tintu sìerbi.
Quando non c'è una cosa migliore, quella peggiore può ancora essere utile.

Quattru ùocchi virinu mìegghiu ri rue.
Quattro occhi riescono a vedere molto meglio di due occhi.